Se sei una persona che ama mantenere uno stile di vita sano e attivo è normale che tu voglia promuovere il tuo benessere anche con l’aiuto di integratori naturali.

Naturale, però, è una parola che può voler dire tutto e anche niente.

Negli ultimi anni, complice anche la nuova definizione di salute data dall’OMS, non più intesa come assenza di malattia ma come uno stato totale di benessere fisico, mentale e sociale, è cresciuto l’interesse delle persone per i prodotti naturali e, in particolare, per gli integratori.  Interesse a cui il mercato ha risposto in modo favorevole aumentandone l’offerta.

Tantissime sono oggi le aziende che offrono ai consumatori degli integratori naturali. Basta leggere con attenzione la loro etichetta per rendersi conto che, nella maggior parte dei casi, di naturale quei prodotti hanno davvero ben poco.  

Questo accade perché molte aziende utilizzano la parola “naturale” per scopi di marketing e per attirare un target ben definito di consumatori, formato da persone attente ai loro bisogni e a quelli dell’ambiente, all’etica delle aziende e alla sostenibilità dei loro prodotti.

come scegliere gli integratori naturali

Basti pensare a tutti quelli integratori che, anche se a base di estratti vegetali e sostanze naturali, contengono zuccheri aggiunti, addensanti, conservanti, edulcoranti e coloranti di sintesi e, in più, sono conservati in contenitori di plastica, un materiale di certo non “naturale” e non sostenibile per il nostro pianeta e del quale dovremmo ridurre produzione e consumo.

In questo panorama troviamo però anche realtà produttive che offrono rimedi naturali di alta qualità. Questo articolo vuole fornire ai lettori una valida guida per orientarli verso una scelta consapevole e per offrirgli tutti gli strumenti di cui hanno bisogno di riconoscere un integratore naturale davvero efficace.

Ecco l’indice di argomenti che tratteremo:

  • cos’è un integratore naturale
  • quali sono le caratteristiche distintive di un integratore naturale di qualità
  • le principali categorie degli integratori naturali

Buona lettura!

Cos’è un integratore naturale

Secondo quanto stabilito dalla Direttiva 2002/46/CE, attuata con il decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169, per integratori  si intendono tutti  “i prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”.

La produzione di un integratore deve seguire un rigido iter normativo e, prima di immetterlo in commercio, l’azienda produttrice deve darne comunicazione al Ministero della Salute.

Prima di acquistare un qualsiasi tipo di integratore naturale, il consiglio è quindi quello di verificare che sia notificato al Ministero della Salute italiano. Se lo è, potrai trovare in etichetta il relativo codice, spesso indicato in forma abbreviata come “codice Min Sal”.

Questo controllo va fatto soprattutto quando si acquistano gli integratori americani o asiatici, non necessariamente soggetti ai rigidi standard di produzione e commercializzazione richiesti dalla normativa italiana ed europea.

Se stai effettuando il tuo acquisto on-line, cerca il codice sull’immagine dell’etichetta (spesso è posizionato sul retro) oppure chiedi al servizio di assistenza clienti. Il fatto di riuscirci attraverso un indirizzo e-mail o un numero verde e di ricevere una pronta risposta sarà già indice di una maggiore probabilità di affidabilità del sito su cui si sta acquistando.

Quali sono le caratteristiche distintive di un integratore naturale di qualità

Scegliere un integratore naturale di qualità non è sempre facile. La semplice presenza all’interno del prodotto di uno, o di un pool di estratti vegetali non ne determina la naturalità, né la qualità, né tantomeno l’efficacia.

In commercio, infatti, esistono integratori naturali a base di polveri, di estratti secchi, di estratti secchi titolati e di estratti fluidi.

Non tutti sanno, però, che la forma di lavorazione più nobile della pianta è l’estratto secco titolato.

L’estratto secco titolato è l’unico modo di lavorazione che consente di estrarre i principi attivi naturali presenti nel rimedio concentrandone il dosaggio in quantità definite, senza alterarne le caratteristiche originarie. È infatti l’unica tipologia di lavorazione dalla quale è possibile ottenere la standardizzazione dei principi attivi naturali.

In assenza di standardizzazione la quantità di principio attivo naturale può variare sia a seconda del prodotto, sia a seconda del lotto di appartenenza. Il rischio che il consumatore corre in questi casi è quello di non assumerne sempre la stessa quantità, o, peggio, di non assumerne affatto.

La normativa italiana non richiede che gli integratori naturali siano sempre standardizzati, sta al consumatore fare attenzione a cosa è riportato in etichetta e scegliere solo quelli a base di estratti secchi titolati e standardizzati, così da avere la sicurezza che nel prodotto sia contenuto sempre lo stesso dosaggio di principio attivo dichiarato. Questo anche se il prodotto appartiene a lotti diversi.

La titolazione è indicata nella lista ingredienti con l’abbreviazione “tit”. In caso di dubbio, il consiglio è quello di contattare l’azienda produttrice e chiedere conferma del metodo di lavorazione.

Puoi anche fare caso al numero di ingredienti riportati in etichetta: un solo ingrediente è indice di una formulazione povera (o meglio assente), in quanto il prodotto è mono-ingrediente. Più efficaci sono le sinergie funzionali che si possono creare fra tre o più estratti vegetali.

Puoi trovare queste scelte di qualità in Salugea: azienda di produzione di integratori naturali che utilizza sinergie fra estratti secchi ad alta titolazione conservati in vetro scuro di grado farmaceutico.

Nella scelta di un integratore di qualità, raccomandiamo infatti di fare attenzione anche al packaging (o contenitore) dell’integratore. Rispetto a plastica o blister, sono da preferire integratori conservati in vetro scuro di grado farmaceutico, l’unico materiale davvero completamente inerte ed in grado di schermare gli estratti vegetali delle piante dalle fonti di luce e di calore. In più, il vetro è l’unico materiale davvero rispettoso dell’ambiente.

Principali categorie di integratori naturali

Oggi in commercio esistono integratori naturali per soddisfare le esigenze e i bisogni più disparati. Vediamo insieme le categorie principali e quelle che dovrebbero essere le loro caratteristiche.

Integratori naturali per il controllo del colesterolo

Gli integratori naturali per il colesterolo servono per promuovere l’equilibrio dei livelli di colesterolo nel sangue.

Nella loro formulazione dovrebbero essere presenti estratti vegetali come la Monacolina K, che agisce sul colesterolo endogeno, ossia quello prodotto dal fegato e la Berberina che invece agisce sul colesterolo introdotto con l’alimentazione.

Per avere una formulazione completa, poi, non dovrebbero mancare estratti vegetali dall’azione antiossidante e promotori del benessere epatico come il Cardo Mariano, perché è il fegato che si occupa della sintesi e dello smaltimento del colesterolo e per mantenere in equilibrio i suoi livelli è necessario che questo organo lavori sempre in modo efficiente.

Integratori naturali per la menopausa

Entrare in menopausa per una donna non è sempre facile. La cessazione dell’attività ovarica, infatti, porta con sé svariati disturbi con i quali non è facile convivere.

Gli estratti vegetali, quando approvati dal ginecologo, possono rappresentare un valido supporto per vivere questa fase con serenità e senza disturbi.

Gli integratori naturali per la menopausa dovrebbero fornire sia fitoesterogeni, sia fitoprogestinici per consentire un riequilibrio ormonale completo. Le fonti naturali più ricche e biodisponibili di fitormoni sono il Kudzu, il Trifoglio Rosso e la Dioscorrea villosa.

Integratori naturali per lo stress e per dormire

Lo stress è uno dei peggiori mali dei nostri tempi. E non mancano nuovi fattori sociali stressanti.

Per fare un esempio, Zoom fatigue è il termine che gli studiosi hanno recentemente coniato per indicare lo stress derivante da un eccesso di riunioni lavorative in videochiamata.  Inoltre, spesso chi è stressato dorme anche poco e male.

Oggi in commercio esistono moli integratori per agire sugli stati ansiosi dovuti allo stress e favorire il riposo notturno. Tra gli estratti vegetali più efficaci allo scopo suggeriamo:

  • Giuggiolo, Biancospino, Griffonia, Melissa, presenti come estratti secchi titolati nell’integratore Rilassa Mente Salugea: favoriscono la calma, la tranquillità e la lucidità mentale, senza indurre sonnolenza
  • Valeriana, Escolzia, Luppolo e Tiglio presenti come estratti secchi titolati nell’integratore Serena Notte Salugea: i loro attivi naturali inducono un sonno profondo e ristoratore.

L’azione combinata di questi integratori, grazie alla sinergia che si innesca tra i loro estratti, facilita e sostiene la qualità del risposo notturno e dona la lucidità e la calma necessaria ad affrontare i momenti di stress.

Integratore per il benessere delle ossa

Gli integratori naturali per sostenere il benessere delle ossa sono quelli a base di vitamina D, che per gli integratori non deve superare il dosaggio di 2’000 U.I. (Unità Internazionali) al giorno.

Un integratore completo dovrebbe contenere anche la vitamina K2, fondamentale per garantire che il calcio assorbito grazie alla vitamina D3 si diriga solo verso ossa e denti e non anche verso i tessuti molli come le arterie, dando vita a un fenomeno indesiderato indicato con il nome di calcificazione extraossea, come evidenziato da studi clinici1.

Integrazione a Alimentazione

La normativa italiana impone ad ogni integratore di apportare in etichetta anche la l’avvertenza: “Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata ed equilibrata e di uno stile di vita sano.”

Come dice la parola stessa, gli integratori naturali sono formulati per poter “integrare” l’alimentazione e, grazie a specifici estratti vegetali, possono apportare svariati benefici.

Non va infatti mai dimenticato che, per preservare il proprio stato di benessere, è indispensabile seguire uno stile di vita attivo e un regime alimentare equilibrato e variegato, come indicato in queste linee guida del Ministero della Salute2.

Disclaimer

Questi testi hanno scopo divulgativo, non vanno intesi come indicazione di diagnosi e cura di stati patologici e non vogliono sostituirsi in alcun modo al parere del Medico.


1 Villa JKD, Diaz MAN, Pizziolo VR, Martino HSD. Effect of vitamin K in bone metabolism and vascular calcification: A review of mechanisms of action and evidences. Crit Rev Food Sci Nutr. 2017 Dec 12;57(18):3959-3970. doi: 10.1080/10408398.2016.1211616. PMID: 27437760.

2 Salute.gov.it > Pubblicazioni > Linee guida per una sana alimentazione

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 07-04-2022


Prestito online: polizza assicurativa facoltativa, tutto quello che c’è da sapere

Creare il proprio percorso professionale