Barbara Jatta è la prima donna a ricoprire il ruolo di direttore dei Musei Vaticani. Scopriamo la sua biografia.

Su esplicito volere di Papa Francesco, Barbara Jatta è stata scelta nel 2017 come direttore dei Musei Vaticani. Grazie a questo incarico, è diventata la prima donna della storia a ricoprire il ruolo. Membro di diversi comitati scientifici, come la rivista Grafica d’Arte dal 2010 e il Consiglio del Museo del Louvre dal 2018, scopriamo tutto quello che c’è da sapere sulla sua vita, dalla biografia alla sfera privata.

Chi è Barbara Jatta: la biografia

Barbara Jatta nasce il 6 ottobre 1962 a Roma. Sua madre Maria Cristina è esperta di arte bizantina, iconografa e restauratrice di dipinti. Il nonno materno è Andrea Busiri Vici D’Arcevia, noto architetto, critico d’arte e collezionista romano, mentre sua nonna era la contessa russa Alexandra Olsoufiev.

Nel 1986 si laurea presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi in Storia del disegno, dell’incisione e della grafica. In seguito, sempre nel medesimo ateneo, si specializza in Storia dell’Arte. Svolge diversi tirocini formativi all’estero, dall’Inghilterra al Portogallo, passando per gli Stati Uniti d’America.

Tornata in Italia, dal 1981 al 1996 collabora con l’Istituto Nazionale per la Grafica, dove ricopre il ruolo di restauratrice di materiale grafico. In seguito passa alla catalogazione dei fondi di disegni, incisioni, xilografie e litografie dell’Istituto.

Dal 1994 al 2016, Barbara insegna Storia delle tecniche e delle arti grafiche presso la facoltà di Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Responsabile del Gabinetto delle Stampe della Biblioteca Apostolica Vaticana dal 1996 al 2016, è stata anche membro delle sue commissioni Mostre, Accessioni, Acquisti, Editoria e Catalogazioni.

Barbara Jatta: la nomina a direttore dei Musei Vaticani

Dopo essere stata nominata Curatore delle Stampe presso la Biblioteca Apostolica Vaticana da Benedetto XVI nel 2010 e Vice Direttore dei Musei Vaticani nel 2016, Papa Francesco la sceglie per un altro ruolo molto importante. Il 1° gennaio 2017 la Jatta diventa la prima donna della storia ad essere eletta direttore dei Musei Vaticani.

Barbara assume l’incarico con una grande missione: “Far conoscere, preservare e condividere quello straordinario lascito di cultura, di storia e di bellezza che i pontefici romani hanno raccolto e custodito per secoli”, come riporta il sito dei Musei Vaticani.

Dal Gruppo dei Romanisti ai comitati scientifici

Nel 2005, la Jatta è entrata a far parte del Gruppo dei Romanisti. Nato intorno al 1929, ha uno scopo istituzionale ben preciso: tutelare e valorizzare il patrimonio culturale e ambientale della città di Roma, nel rispetto della sue tradizioni e funzioni storiche. Il motto dei Romanisti, iscritto in epigrafe nel loro Bollettino, è “Romanus sum: Romani nihil a me alienum puto”.

Dal 2010 al 2016 è stata membro dell’associazione internazionale dei Direttori dei Gabinetto di disegni e stampe (Advisory Keepers of Graphic Collections); mentre dal 2010 fa parte del Comitato Scientifico della rivista Grafica d’Arte. Inoltre, è membro del Consiglio Scientifico del Museo del Louvre, del Bizot Group (Consiglio che riunisce i Direttori dei Principali Musei del Mondo) e dell’International Advisory Board del Museo dell’Ermitage.

La vita privata di Barbara Jatta: marito e figli

Barbara Jatta è sposata, dal mese di luglio del 1988, con il medico pediatra Fabio Midulla. La coppia ha tre figli: Marco, Fabiola e Giorgio.

Chi è il marito di Barbara Jatta? Fabio Midulla è responsabile della Pediatria d’Urgenza del Dipartimento Materno Infantile e Scienze Urologiche dell’azienda Policlinico Umberto I. Inoltre, è professore ordinario di Pediatria presso la Facoltà di Medicina e Odontoiatria dell’Università La Sapienza di Roma e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria e del Master di II livello di Emergenze Pediatriche.

4 curiosità su Barbara Jatta

– Nel 2020 è stata insignita da Sua Altezza il Re di Svezia dell’Ordine della Stella Polare. Nel 2019 è stata insignita dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella dell’onorificenza di Commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia.

– È una grande appassionata di sport e fino al 2016 ha giocato a pallavolo.

– La sua casa di famiglia situata a Ruvo di Puglia è oggi la Comunità Accoglienza Solidarietà Amicizia fondata da don Tonino Bello.

– Il suo luogo preferito di Roma è la Chiesa Domine Quo Vadis (S. Maria in Palmis), mentre la sua opera d’arte del cuore è la Madonna di Foligno di Raffaello, conservata presso la Pinacoteca Vaticana.

ultimo aggiornamento: 14-03-2021


Simonetta Di Pippo, l’astrofisica che ha dato il suo cognome ad un asteroide

Chi è Francesca Dallapè, la tuffatrice “metà” di Tania Cagnotto