Roberta Metsola è stata eletta come Presidente del Parlamento europeo nel 2022, diventando la donna più giovane di sempre a ricoprire il ruolo.

Roberta Metsola, dopo la morte di David Sassoli, è stata eletta Presidente del Parlamento europeo, nel gennaio 2022, diventando la più giovane leader di sempre dell’Europarlamento. Nata in una cittadina balneare maltese, ha iniziato da giovanissima farsi strada in politica. Ecco tutto quello che c’è da sapere su di lei.

Chi è Roberta Metsola: la biografia

Classe 1979, Roberta Metsola Tedesco Triccas è nata il 18 gennaio a St. Julian’s (San Giuliano), città maltese situata a nord de La Valletta. Avvocato specializzato in diritto e politica europea – ha studiato presso il prestigioso College of Europe di Bruges – ha lavorato come addetta alla cooperazione legale e giudiziaria di Malta, all’interno della Rappresentanza permanente presso l’Unione Europea. Fin da giovane ha iniziato a costruire la sua carriera in politica. E’ stata membro del Moviment Zgħazagħ Partit Nazzjonalista e dell’European Democrat Students, diventando segretario generale di quest’ultimo.

Candidata alle elezioni europee del 2004 e del 2009 senza essere eletta, nel 2013 ha preso il posto di Simon Busuttil. Sia nel 2014 che nel 2019 è stata rieletta, acquisendo il più alto numero dei voti tra i colleghi del suo partito. Il 12 novembre 2020 ha assunto l’incarico di vicepresidente vicario del Parlamento europeo, mentre dal 18 gennaio 2022 è diventata presidente del Parlamento europeo, diventando la persona più giovane, nonché la terza donna, a ricoprire il ruolo.

L’elezione a presidente del Parlamento europeo

Roberta Metsola ha preso il posto di David Sassoli, morto prematuramente l’11 gennaio 2022. Dopo la sua elezione a presidente del Parlamento europeo, ha ricordato il collega scomparso, sottolineando di volerlo onorare battendosi “sempre per l’Europa, per i nostri valori comuni“.

Nazionalismo e isolazionismo sono false illusioni che non offrono soluzioni. L’Europa è l’opposto di questo: siamo noi tutti che vogliamo avvicinare i nostri popoli e vogliamo difendere i principi dei nostri padri fondatori e madri fondatrici. Celebriamo le nostre diversità perché sappiamo che è ciò che ci rende più forti, ci rende unici, ci rende europei“, ha dichiarato Metsola nel suo discorso d’insediamento.

Tra le priorità del suo mandato ci sono: la lotta al cambiamento climatico, la difesa comune, l’impegno per i giovani e l’abbattimento dei muri all’interno dell’Unione.

Roberta Metsola: la vita privata

Sposata dal mese di ottobre del 2005, Roberta Metsola ha quattro figli maschi e si definisce “progressista pro-Lgbt+ e sostenitrice dei diritti delle donne”. Nonostante ciò, ha fatto discutere molto per la sua posizione contraria all’aborto. A Malta, dove l’interruzione volontaria di gravidanza è illegale, ha visto un referendum a tema nel mese di giugno del 2021. Metsola si è espressa contraria, sostenendo che “garantire l’accesso universale all’aborto sicuro e legale” equivale a violare “il diritto del suo Paese di decidere autonomamente“. Dopo l’elezione come Presidente del Parlamento europeo, ha ammesso:

Le mie posizioni sull’aborto saranno quelle del Parlamento europeo che ora rappresento. I voti espressi in precedenza facevano riferimento a posizioni di carattere nazionale. Io non voterò più su temi come l’aborto“.

3 curiosità sulla presidente del Parlamento europeo

Roberta Metsola adora guidare la moto.

-Ama la buona cucina, tanto che è un’abile cuoca, ed è un’appassionata di vini.

-Nel tempo libero, oltre alla famiglia, si dedica allo sport e alla lettura.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 30-01-2022


Chi è Carlo Nordio, tra le inchieste “scomode” e la passione per la lettura

Ludovico Aldasio è molto più di “quello del Buongiorno”