Lavorare in Smart Working è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro che ha l’obiettivo di aiutare il lavoratore a conciliare i tempi di vita con quelli lavorativi e allo stesso tempo vuole favorire la crescita della produttività.

Di solito chi “lavora da casa” utilizza computer e connessione Internet propri. Pertanto, per svolgere al meglio questa attività è bene confrontare le offerte fibra ottica per la casa. Tuttavia, questa innovativa modalità di lavoro dà la possibilità di scegliere di lavorare da luoghi diversi rispetto alla propria abitazione. Infatti, chi lavora in Smart Working può lavorare, per esempio, anche in biblioteca e negli spazi di Coworking. Ma qual è il luogo che garantisce il massimo della produttività?

Smart working
Smart working

Quali sono i migliori posti dove svolgere lo smart working?

Lavorare in Smart Working offre la possibilità di lavorare in autonomia da dove si desidera. Questo aspetto è fondamentale in quanto è in grado di migliorare la soddisfazione e l’impegno dei dipendenti e di conseguenza il successo dell’azienda.

Di contro, alcune persone potrebbero lamentare il fatto che lavorare da casa sia alienante e che possa portare ad un senso di solitudine lavorativo. Tuttavia, nello Smart Working non è obbligatorio lavorare da casa. Anzi, questa modalità offre la possibilità di potersi discostare dagli ambienti di casa e portare il proprio lavoro ovunque ci sia una buona connessione ad Internet.

Lavorare dagli spazi Co-working

Chi non riesce ad essere del tutto produttivo da casa, o soffre di solitudine può scegliere di lavorare in Smart Working dagli spazi Coworking. Ormai anche in Italia questi spazi super attrezzati e predisposti ad hoc per questo tipo di attività lavorativa sono molto diffusi ed iniziano ad essere realtà molto interessanti. Oltre a conciliare il massimo della concentrazione permettono di incontrare anche altri professionisti. L’unica pecca è che la maggior parte degli spazi Co-working sono a pagamento.

Locali attrezzati: lavorare in Smart Working da bar e pub

A questo proposito, chi non vuole spendere soldi per lavorare in uno spazio Coworking, può scegliere di farlo in locali attrezzati e predisposti per svolgere al meglio l’attività lavorativa. Infatti, questi spazi dedicati sono muniti di tavolini, prese e persino di rete wi-fi. L’importante è scegliere un locale che non sia troppo rumoroso altrimenti sarebbe difficile trovare la concentrazione giusta. Il rumore è uno dei problemi principali di bar e pub, in special modo se è necessario svolgere call di lavoro che richiedono il silenzio assoluto.

Lavorare in Smart Workingoutdoor

Specialmente durante la bella stagione, in primavera e in estate, risulta estremamente piacevole dedicarsi alle proprie mansioni all’aria aperta. I luoghi adatti a farlo sono molteplici, in un parco, in un bar all’aperto al mare o addirittura in spiaggia se è disponibile abbastanza ombra. In questo caso, è bene avere con sé un powerbank affinché il pc non si spenga e un’ottima connessione ad Internet. In particolare, ci si può collegare alla rete tramite hotspot al telefono oppure con una comoda saponetta wi-fi portatile.

Dal 7 dicembre 2021 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha raggiunto l’accordo con le Parti sociali sul primo “Protocollo Nazionale sul lavoro in modalità agile” nel settore privato che ha l’obiettivo di rinnovare la prospettiva e ridefinire il lavoro in un quadro di fiducia, autonomia e responsabilità condivise di lavoratori e azienda.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 17-08-2022


Nuova Gamma SUV Mercedes: modelli e prezzi

Lenti fotocromatiche o transitions: cosa sono e come funzionano