L’Istat ha rivisto il paniere per il 2023: ci sono diverse new entry interessanti, che documentano i consumi delle famiglie.

Il paniere 2023, aggiornato dall’Istat, descrive come cambiano i consumi delle famiglie: rispetto all’anno scorso, i prodotti da 1772 sono saliti a 1885. Ovviamente, queste new entry vanno ad influenzare l’inflazione. Vediamo i nuovi articoli e l’andamento dei prezzi.

Istat, come cambia il paniere nel 2023: le new entry

L’Istituto nazionale di statistica (Istat) ha rivisto l’elenco che compone il paniere 2023, aggiornandolo in base ai prodotti che rappresentano maggiormente i consumi delle famiglie. Questa lista viene controllata/modificata ogni anno, così come vengono adeguate le tecniche d’indagine utili per scoprire se e come gli articoli di consumo influenzano l’inflazione. Com’è normale che sia, negli ultimi 365 giorni, l’attenzione della popolazione ha interessato anche ad altre categorie merceologiche che, tempo fa, erano impensabili.

Innanzitutto, nel paniere 2023 sono stati inseriti la visita medico sportiva (libero professionista), il deambulatore, il massaggio estetico e le riparazioni di smartphone e di apparecchiature audio intelligenti. Sul versante dei prodotti alimentari, invece, ci sono diverse novità: tonno di pescata, rombi di allevamento, uva senza semi e frutta e verdura biologica. Per quanto riguarda gli aggregati di prodotto a rilevazione scanner troviamo i formaggi stagionati confezionati e la frutta e i vegetali freschi (non stagionali e venduti a peso fisso). Nel settore dell’abbigliamento c’è una sola new entry, i leggings.

Una persona fa la spesa al supermercato

Istat, paniere 2023: la rilevazione dei prezzi al consumo

L’Istat non ha rivisto solo l’elenco del paniere, ma ha anche rilevato i prezzi al consumo. In base all’indice Nic, nel 2023 sono aumentati: Servizi ricettivi e di ristorazione (+1,9%), Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,8%) e Ricreazione, spettacoli e cultura (+0,7%). Scendono, invece, i prezzi di: Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-1,4%), Servizi sanitari e spese per la salute (-0,4%) e Bevande alcoliche e tabacchi (-0,4%). E’ bene sottolineare che, nell’anno in corso, il paniere è composto da 1885 prodotti elementari, raggruppati in 1.061 prodotti, a loro volta compresi in 423 aggregati.

Riproduzione riservata © 2024 - LEO

ultimo aggiornamento: 17-02-2023


Bonus patente 2023, requisiti e modalità: 18 mesi per spendere il voucher

L’UE approva una legge per rendere più sostenibili le batterie elettriche