Stampa 3D: cos’è, come funziona e a cosa serve nel concreto la stampa di oggetti a tre dimensioni.

Da anni se ne parla, ma per molti è ancora un concetto confuso e poco chiaro. Stiamo parlando della stampa 3D, un metodo di produzione di oggetti tridimensionali innovativo. Di cosa si tratta? Da definizione, è il processo di creazione di un oggetto a tre dimensioni partendo da un modello digitale. La stampante “stampa” l’oggetto disponendo strati successivi di materiale fino a completarlo. Questa tecnologia viene utilizzata per creare una vasta gamma di oggetti, da semplici prototipi a impianti medici o parti di aerei. Viene anche utilizzato per creare prodotti personalizzati per i consumatori, come occhiali, apparecchi acustici e apparecchi ortodontici. Scopriamo insieme più nel dettaglio come funziona e a cosa serve.

Come funziona la stampa 3D

Per creare una stampa 3D, viene prima creato un modello digitale utilizzando un software di progettazione 3D. Questo modello viene quindi suddiviso in centinaia o migliaia di strati sottili. Ogni strato viene stampato, uno alla volta, con la stampante che deposita il materiale secondo uno schema specifico per creare l’oggetto desiderato. La maggior parte delle stampanti utilizza materiali come plastica o metallo per creare l’oggetto.

Stampa in 3d di una casa
Stampa in 3d di una casa

Esistono diverse tecnologie di stampa 3D, ognuna con i propri punti di forza e di debolezza. Le tecnologie di stampa 3D più comuni sono: la stereolitografia (SLA), metodo che utilizza un laser UV per curare una resina foto-reattiva, costruendo l’oggetto strato dopo strato; la sinterizzazione laser selettiva (SLS), che usa invece un laser per fondere materiale in polvere in un oggetto solido: la modellazione a deposizione fusa (FDM), che si basa su stampanti che utilizzano un ugello caldo per depositare il filamento di plastica fuso strato dopo strato.

La migliore tecnologia di stampa 3D dipende dalle proprie esigenze e dal proprio budget. Se hai bisogno di una stampa ad alta risoluzione con dettagli precisi, SLA o SLS sono le opzioni migliori. Se invece te ne serve una ad alto volume, allora FDM potrebbe fare al caso tuo.

A cosa serve davvero la stampa tridimensionale

La stampa 3D è dunque un processo di fabbricazione che crea oggetti tridimensionali da un modello digitale. Ma a cosa serve davvero? Viene utilizzata per creare una varietà di oggetti, dagli occhiali a parti del corpo protesiche. Una delle applicazioni più comuni della stampa 3D è in effetti in campo medico. Le stampanti 3D possono essere utilizzate per creare parti della protesi del corpo, impianti dentali e persino organi umani. Questa tecnologia ha il potenziale per rivoluzionare il campo medico consentendo ai chirurghi di creare parti del corpo personalizzate per i loro pazienti.

La stampa 3D viene utilizzata anche per creare componenti di aeromobili. Boeing ha utilizzato alcuni anni fa la questa tecnologia per creare parti per il suo aereo 787 Dreamliner. L’azienda ha scoperto che la può far risparmiare tempo e denaro riducendo il tempo necessario per creare una parte ed eliminando la necessità di utensili.

In altri ambiti, viene anche usata per creare giocattoli e prodotti di consumo. Aziende come Mattel e Hasbro utilizzano la stampa 3D per creare oggetti nuovi e innovativi. Insomma, la si tratta di una tecnologia versatile che ha molte applicazioni in vari di settori, tra cui quello alimentare. Da anni infatti si parla di cibo stampato, la cui utilità potrebbe essere straordinaria anche per risolvere gravi problemi alimentari che affliggono il mondo. Per ora si tratta solo di esperimenti, ma tra non molto potrebbe trasformarsi in quotidianità.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-11-2022


Come ridurre i consumi della propria auto

Come scegliere uno smartphone nuovo? Ecco cosa devi guardare