Hai deciso di aprire il tuo negozio online? Negli ultimi anni il mondo degli e-commerce sta avendo un boom senza precedenti.

Questo è stato senza dubbio trainato dalla pandemia che ha consacrato il commercio online come la forma di commercio del futuro.

Se anche tu hai deciso di aprire la tua attività online e di “buttarti” in questo mondo, ci sono alcune cose che devi sapere.

Infatti, in questo modo avrai le idee chiare prima di partire su tutti quelli che possono essere i costi da dover sostenere e i rischi nei quali potresti imbatterti.

Sei pronto a conoscere le 5 cose che devi sapere prima di avviare la tua attività online?

ecommerce online
ecommerce online

#1: per aprire un e-commerce devi avere la Partita IVA

Il primo punto, che spesso viene preso poco in considerazione, riguarda l’aspetto fiscale.

Infatti, secondo la normativa italiana, per aprire un e-commerce devi essere in possesso della Partita IVA.

Ora ti spieghiamo subito come mai:

Secondo la legge, se svolgi un’attività abituale e/o professionale devi essere in possesso della Partita IVA ed, allo stesso modo, devi averla se vuoi pubblicizzarti.

Ebbene, il solo fatto di aver creato un sito web sul quale vendere i tuoi prodotti o servizi rende la tua attività abituale e impone tale obbligo.

Per questo ti consigliamo di rivolgerti ad un consulente fiscale, come il team di Fiscozen che ti offre una chiamata gratuita e senza impegno con un esperto. In questo modo, potrai rivolgere a lui tutte le tue domande, per chiarire i tuoi dubbi sulla libera professione, la fatturazione elettronica e tanto altro.

#2: per creare un sito web devi investire

Creare un e-commerce prevede alcune spese che non possono essere evitate.

Attenzione però: chiamarle spese è sbagliato, perché si tratta di veri e propri investimenti.

Tali investimenti potranno essere intesi sia in termini economici sia in termini di tempo. Spieghiamo meglio questo concetto.

Quando si parla di investimenti temporali la spiegazione è semplice: dovrai investire molto tempi ed impegnarti molto per raggiungere i tuoi obiettivi.

Invece, parlando di investimenti economici, facciamo riferimento a quello che dovrai spendere per:

  • Creazione del sito
  • Gestione delle spedizioni e dei pagamenti
  • Copywriter SEO che scriva descrizioni prodotti accattivanti e ben posizionare online
  • Campagne di promozione

Insomma, tanti piccoli investimenti che, in una fase iniziale, potrebbero risultare “pesanti”, ma che con il tempo saranno pienamente ripagati.

#3: per vendere online devi farti conoscere

Potresti avere sul tuo sito web i prodotti o i servizi migliori del mondo, ma questi non raggiungeranno mai il successo se non riuscirai a farti conoscere.

Di conseguenza, dovrai mettere in pratica delle strategie di web marketing che potrebbero portarti a farti conoscere maggiormente, come:

  • Ottimizzazione del sito per i motori di ricerca
  • Sfruttare i social media per vendere di più

In questo caso, ti consigliamo di affidarti a dei professionisti esperti.

#4: per vendere online devi distinguerti

Come abbiamo visto, negli ultimi anni gli e-commerce hanno avuto un vero e proprio boom. Di conseguenza, è necessario sapersi distinguere per essere ricordati.

Insomma, dovrai trovare i tuoi tratti distintivi che portino i potenziali clienti a scegliere te piuttosto che un tuo concorrente.

#5: per vendere online ci devi mettere la faccia

L’ultimo consiglio del quale devi fare tesoro è che per vendere ci devi mettere la faccia. Infatti, per far funzionare il tuo sito e il suo personal brand, sei necessario tu.

Tu devi creare un rapporto umano con i tuoi potenziali clienti, perché questo è fondamentale anche nella vendita online.

Insomma, ricordati sempre di curare i rapporti con i tuoi clienti, anche attraverso i social media: solo così sceglieranno sempre te rispetto alla concorrenza.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 25-11-2022


Esperienza con la Casa Editrice Bookabook (pro e contro)