Francesca Dallapè è una tuffatrice italiana, la metà di Tania Cagnotto. Con una carriera degna di nota, scopriamo la sua biografia.

Francesca Dallapè è una grandissima tuffatrice italiana, colei che, insieme a Tania Cagnotto, ha tenuto alta la bandiera italiana in tutto il mondo. Sportiva fin nel midollo, è diventata tuffatrice senza aver prima imparato a nuotare. Con 8 medaglie d’oro consecutive e il sogno di Londra sempre in tasca, Francesca è anche mamma. Scopriamo insieme la sua biografia, tra carriera e sfera privata.

Chi è Francesca Dallapè: la biografia

Classe 1986, Francesca nasce il 24 giugno a Trento. A soli 6 anni inizia a frequentare il primo corso di nuoto, ma non ama “stare troppo in acqua“. Preferisce raggiungere la scaletta e tuffarsi, “anche per dieci o venti volte di fila“, come racconta nella bio del suo sito. È per questo motivo che la sua istruttrice dell’epoca convoca i genitori e chiede loro di poter allenare la figlia per farla diventare una tuffatrice.

Francesca Dallapè
Francesca Dallapè

Nel 1999 entra a far parte della Nazionale giovanile nel trampolino da un metro, da tre metri e da tre metri sincro, iniziando a partecipare a gare nazionali e internazionali. La prima medaglia di bronzo arriva nel 2003, agli Europei giovanili di Edimburgo. Poco dopo, ad Aquisgrana, conquista la medaglia d’argento insieme alla collega Noemi Batki.

Il grande salto, nel vero senso della parola, arriva a 19 anni, quando indossa la tuta della Nazionale e vola in Canada per partecipare al primo Mondiale della sua carriera. Sempre in coppia con la Batki conquista il quinto posto, un risultato eccellente per una tuffatrice al primo debutto. L’anno seguente, agli europei di Budapest, si classifica sesta e a novembre dello stesso anno entra a far parte del Centro Sportivo dell’Esercito Italiano.

Francesca Dallapè e Tania Cagnotto: un sogno concretizzato

Dopo aver detto addio alla collega Batki, Francesca vede in Tania Cagnotto la compagna ideale. “Massima dedizione, nessuna scusa, ricerca costante della perfezione e di un’intesa indissolubile“: con queste regole le due tuffatrici arrivano a conquistare la medaglia d’oro nei Campionati Europei di Torino 2009. Dopo qualche settimana, arrivano ai Mondiali di Roma, vincendo l’argento.

Da questo momento in poi, Francesca Dallapè e Tania Cagnotto conquistano una medaglia dietro l’altra, fino all’ottavo oro agli Europei di Londra e al secondo argento alle Olimpiadi di Rio del 2016.

Tania Cagnotto e Francesca Dallapè
Tania Cagnotto e Francesca Dallapè

La vita privata di Francesca Dallapè

Francesca Dallapè, nel 2013, ha sposato il dentista Manuel Panzolato, dal quale si è separata nel 2018. “Ho messo un punto. Ora ho un nuovo compagno da un anno e sono contenta di avere voltato pagina. Spero che chiusa una porta, si apra un portone”, ha rivelato nel 2020 al settimanale Oggi.

Gli ex coniugi hanno una figlia, Ludovica, nata il 4 maggio del 2017. Spera che la bimba segua le sue orme? In una recente intervista alla Gazzetta del Mezzogiorno, ha dichiarato: “A me piacerebbe che lei facesse sport, non necessariamente i tuffi. Non deve diventare una campionessa, ma mi auguro che sia una sportiva per lo stile di vita che questo rappresenta”.

Chi è il compagno di Francesca Dallapè? Si chiama Fabio Schirripa e ogni tanto fa la sua comparsa sul suo profilo Instagram: il 29 settembre 2020 hanno festeggiato il primo anniversario di fidanzamento.

3 curiosità sulla tuffatrice azzurra

– Il primo tuffo della sua vita l’ha fatto senza saper nuotare: “La lezione non l’avevo proprio seguita, bevendo si impara“.

– Nel 2014 una ONG trentina, ACAV, l’ha scelta come testimonial per un progetto mirato alla costruzione di pozzi d’acqua. Il viaggio in Uganda e nel Sud del Sudan le ha cambiato il suo modo di approcciare ai problemi della vita.

– Vorrebbe debuttare in TV nel ruolo di commentatrice oppure partecipare ad un reality come Ballando con le Stelle.


Chi è Barbara Jatta: la prima donna a ricoprire il ruolo di direttore dei Musei Vaticani

Chi è Cristina Scocchia, l’amministratore delegato di Kiko che crede alla meritocrazia