Il bonus internet, tecnicamente chiamato voucher connettività, sarà disponibile anche per tutte le famiglie, senza limiti Isee.

Tecnicamente chiamato voucher connettività, il bonus internet sarà presto disponibile per tutte le famiglie, senza dover rispettare alcun limite Isee. Con questo nuovo incentivo, il Governo intende facilitare la vita ‘virtuale’ di tutti i cittadini, sia sul piano lavorativo che su quello ‘ludico’. Vediamo come funziona e cosa fare per richiederlo.

Bonus internet senza limite Isee: come funziona?

In un primo momento, il bonus internet è stato stanziato solo per le famiglie meno abbienti con Isee inferiore a 20 mila euro, che non possedevano una connessione oppure ne avevano una molto lenta. La necessità, ovviamente, è venuta alla luce durante il primo lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19. In questa occasione, milioni di italiani si sono ritrovati a barcamenarsi tra smart working e didattica a distanza. Superato questo primo scoglio, il Governo ha esteso il voucher connettività alle imprese e ai possessori di Partita Iva che avevano bisogno di avere una connessione più veloce.

E’ stato avviato nel contesto dell’emergenza sanitaria da Covid-19, durante la quale è emerso come i collegamenti internet a banda ultralarga costituiscano il presupposto per l’esercizio di diritti essenziali, costituzionalmente garantiti, come i diritti allo studio e al lavoro“, ha dichiarato il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise) per spiegare l’importanza del bonus in questione.

Il bonus internet non intende solo migliorare la connessione, ma anche “favorire la diffusione della banda larga in Italia e potenziare l’accesso veloce ai servizi digitali“. E’ alla luce di ciò che il Mise ha pensato di estenderlo a tutte le famiglie, senza alcun limite Isee.

Come richiedere l’incentivo?

Tutte le famiglie, a prescindere dall’Isee, potranno richiedere il bonus internet. Al momento, non sono ancora state pubblicate le linee guida, ma è assai probabile che il Mise si comporti come fatto con i voucher precedenti. Potranno accedere sia coloro che non hanno ancora una connessione che quanti desiderano per le proprie utenze domestiche un servizio a banda larga più veloce. Secondo le prime indiscrezioni, il bonus dovrebbe essere pari a 300 euro per nucleo familiare. Si potrà utilizzare per ottenere uno sconto sul prezzo di attivazione oppure per pagare gli abbonamenti mensili. Probabilmente, per riceverlo ci si dovrà rivolgere alle compagnie telefoniche che hanno aderito al ‘progetto’. E’ bene sottolineare che ogni famiglia può richiedere un solo bonus per la medesima unità abitativa.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 24-08-2022


Reiki: come funziona questo tipo di guarigione energetica e i suoi benefici per la salute

Amsterdam, un condominio per animali ed esseri umani: ecco il  Proto-Zoöp Zeeburg