La tecnica del Reiki può aiutare a ridurre lo stress e l’ansia, migliorare il sonno, riducendo il dolore: ecco come viene applicato questo tipo di guarigione energetica.

Il Reiki è una forma di guarigione energetica che ha avuto origine in Giappone all’inizio del XX secolo. Secondo l’International Center for Reiki Training, la pratica si basa sull’idea che tutti noi abbiamo un’energia vitale invisibile che scorre attraverso i nostri corpi. Un praticante di Reiki muove delicatamente le mani appena sopra o sul corpo vestito del cliente, con l’intenzione di ridurre lo stress e favorire la guarigione mediante un sano flusso di energia.

Reiki: come funziona e come si fa

Il Reiki è una tecnica di guarigione energetica in cui un maestro Reiki (che ha conseguito una formazione in questa arte di guarigione) usa movimenti delicati delle mani con l’intenzione di guidare il flusso di energia sana (conosciuta come “energia della forza vitale”) attraverso il corpo del cliente, per ridurre lo stress e favorire la guarigione. Il Reiki è una forma di medicina complementare e alternativa; ci sono prove che può ridurre lo stress quotidiano e aiutare nella gestione di alcune malattie croniche.

Seduta di Reiki
Seduta di Reiki – Nanopress.it

La ricerca suggerisce che tale pratica aiuta il corpo a tornare a uno stato di rilassamento, che gli consente di guarire potenzialmente meglio dai danni causati da stress, lesioni o malattie. Ci sono prove che essa, usata come terapia complementare alle cure mediche convenzionali o tradizionali, può aiutare le persone a riprendersi dopo l’intervento chirurgico e gestire i sintomi del cancro e dell’AIDS.

Cosa accade in una seduta di tale pratica

Un esperto muoverà delicatamente le mani sopra o vicino al corpo in una serie di posizioni. Ogni posizione della mano si concentra su una parte diversa del corpo, inclusi testa, spalle, stomaco e piedi e viene mantenuta per circa 3-10 minuti, a seconda delle esigenze della persona. Durante le sessioni, che – in genere – durano tra i 60 e i 90 minuti, si parla molto poco o niente.

Ci sono poche prove scientifiche che spieghino esattamente come funziona il Reiki, ma gli studi hanno fatto emergere che tale pratica può avere benefici tangibili quando si tratta di abbassare la pressione sanguigna, migliorare la qualità del sonno sonno, diminuire l’ansia e ridurre i livelli di dolore.

Bisogna tener presente, tuttavia, che il Reiki è principalmente visto come una terapia complementare dalla medicina tradizionale ed è destinato a essere utilizzato insieme alle cure mediche standard, non in sostituzione di queste ultime.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-08-2022


Prendere in prestito utensili evitando sprechi: il modello della Tool Library

Bonus internet senza limite Isee: come funziona e come richiederlo