Dopo la pelliccia, Armani ha deciso di eliminare anche la lana d’angora dalle sue collezioni verso una moda più sostenibile.

Armani ha annunciato che non utilizzerà più la lana d’angora a partire dalle collezioni autunno-inverno 2022/2023. L’azienda di lusso italiana ha deciso di vietare la pelliccia dopo aver subito pressioni da parte degli attivisti per i diritti degli animali contro la pratica crudele messa in atto per ottenerla. Armani è noto per aver apportato cambiamenti positivi alla propria azienda poiché – nel 2016 – è stata eliminato anche l’uso della pelliccia. Nel 2019 ha anche firmato il Fashion Pact per affrontare il cambiamento climatico.

Armani mette al bando la lana d’angora dalle sue collezioni

Armani è solo uno dei tanti marchi di moda di fascia alta che hanno iniziato a bandire i prodotti di origine animale dalle loro linee. I marchi di moda l’hanno capito: se vogliono essere ancora apprezzati dal pubblico, devono porre fine alla crudeltà sugli animali e rimuovere i prodotti derivati ​​​​dagli animali dai loro capi.

Giorgio Armani
Giorgio Armani

La lana d’angora è un uno dei prodotti animali utilizzato nell’industria della moda, ottenuto con pratiche crudeli, ma non solo. Ad esempio, la pelliccia viene estratta da conigli vivi, il che provoca loro un dolore immenso prima di giungere alla morte, dopo la quale vengono venduti per la carne.

I conigli sperimentano questo calvario circa una volta ogni tre mesi: le stesse crudeltà sono riscontrate nell’industria dell’allevamento di pellicce in generale, dalle condizioni anguste in cui sono fatti crescere gli animali, alle abrasioni per poi passare alle malattie e allo shock. Ben più della metà muore per attacchi di cuore indotti dallo stress. D’altronde, non c’è più bisogno di vera pelliccia, pelle, lana d’angora o lana di pecora con così tante finte alternative tra cui scegliere (finta pelle, finta lana, finta pelliccia e così via).

Un passo avanti verso la sostenibilità ambientale e il rispetto degli animali

Tutte le future collezioni della casa di moda di lusso, inclusi marchi come Giorgio Armani, Emporio Armani, EA7 e Armani Exchange, saranno prive di lana angora dopo il confronto che l’azienda ha avuto con il gruppo di difesa degli animali – PETA – sulle preoccupazioni etiche e legate alla sostenibilità coinvolte nella sua produzione.

Sono lieto di annunciare l’abolizione della lana d’angora da tutte le collezioni del Gruppo Armani, a testimonianza del nostro impegno tangibile nel monitorare la nostra produzione nel rispetto della tutela del mondo naturale. Ho sempre creduto nell’innovazione e nella ricerca di nuovi materiali e metodi innovativi per la lavorazione delle materie prime tradizionali”, afferma l’amministratore delegato Giorgio Armani.

coniglio angora inglese
coniglio angora inglese

I consumatori di moda socialmente consapevoli di oggi non vogliono avere niente a che fare con un’industria che strappa i peli dai corpi dei conigli ancora vivi”, afferma il vicepresidente dei programmi internazionali di PETA, Mimi Bekhechi. “PETA celebra la decisione di Armani di estendere la sua politica no-fur includendo l’angora, che incoraggia tutti i designer che ancora la usano a stare al passo con i tempi“.

L’industria della moda abbandona la pelliccia

Armani si unisce a ben oltre 300 altri marchi di tutto il mondo che hanno bandito la lana d’angora, tra cui Gucci, Valentino, Calvin Klein, Diane von Furstenberg, Tommy Hilfiger, Burberry e Stella McCartney. Proprio il mese scorso, la piattaforma di e-commerce di lusso Farfetch ha annunciato che avrebbe interrotto le scorte di prodotti di angora entro aprile del prossimo anno.

Anche se Armani ha introdotto – per la prima volta – una politica no pellicce nel 2016, sviluppata in collaborazione con la Fur Free Alliance, ha continuato a incorporare nelle proprie creazioni peli e pelli di origine animale come pelle, lana, mohair e cashmere, questi ultimi due noti per la loro particolare morbidezza consistenza, molto simile all’angora. Bisogna anche notare che la produzione di ciascuno di questi quattro materiali ha i suoi problemi etici, dal catastrofico inquinamento ambientale all’estrema crudeltà sugli animali.

L’industria della moda sta lentamente raggiungendo le aspettative dei consumatori in termini di sostenibilità e trattamento degli animali. La pelliccia è stata a lungo fonte di controversie e il pubblico – in generale -si oppone sempre più al suo utilizzo per l’abbigliamento di lusso, in particolare. I produttori rispondono a tale richiesta, utilizzando alternative sintetiche.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 06-12-2021


Guida Michelin 2022, i nuovi ristoranti italiani stellati e i premi speciali

Arriva il Bonus divorziati: chi può richiederlo e a quanto ammonta