L’artista Arturo Bordalo, di Lisbona, in Portogallo, trasforma la spazzatura in una strabiliante arte di strada 3D.

La street art si è sempre più diffusa negli ultimi anni, diventando una “carta da parati urbana” così familiare nelle città che a volte è facile non accorgersi che ci sia. Difficile, però, che accada con le opere d’arte create da Artur Bordalo (che si fa chiama Bordalo II), artista di strada di Lisbona, in Portogallo, che utilizza vecchi pneumatici ed elettrodomestici rotti, trasformandoli in sculture di animali, impossibili da ignorare.

Murales di street art
Murales di street art

Cosa fa l’artista di strada che trasforma la spazzatura in arte

Arturo Bordalo si serve di oggetti in disuso e cestinati per realizzare delle singolari opere d’arte di strada che prendono vita in sembianze animali. Bordalo II – questo il suo nome d’arte – fa prendere vita a oggetti inanimati – come pneumatici, elettrodomestici rotti, bidoni della spazzatura bruciati e detriti di diverso genere – trasformandoli in uccelli, pesci, conigli e procioni. Una foto dal suo account Instagram:

“L’idea è di una natura stessa, in questo caso gli animali, realizzata con i materiali responsabili della sua distruzione“, ha riferito Bordalo in una e-mail inviata alla redazione di Slate, nella quale esprimeva la propria speranza di aumentare l’eco-coscienza collettiva sull’impatto delle nostre abitudini sul pianeta con la sua arte. L’ultima serie di street art di Bordalo è rappresentata da sculture di animali 3D, realizzate con rifiuti e altri materiali di scarto trovati da fabbriche abbandonate o aziende in fase di riciclaggio.

Chi è Arturo Bordalo

Nato a Lisbona nel 1987, Artur Bordalo crea le proprie sculture di animali, procacciandosi le materie prime nelle discariche o presso fabbriche abbandonate. Pneumatici, pannelli delle portiere, montagne di paraurti in plastica malleabile e persino interi veicoli sono impilati e imbullonati per trasformarsi in animali: dai pellicani alle volpi, fino ai piccoli roditori. Un altro scatto da IG:

Non è solo un modo per riciclare, ma anche una critica al mondo in cui viviamo. Attraverso la sua arte, Bordalo II spera di attirare l’attenzione sulla produzione incontrollabile di rifiuti e sensibilizzare sul consumismo che devasta la nostra società e – di conseguenza – il nostro pianeta.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 29-12-2021


La Commissione europea vuole reprimere la criminalità ambientale: l’ecocidio diventerà reato penale

I microbi si stanno adattando all’inquinamento dei mari “mangiando” la plastica