Nei menu universitari, la presenza di carne sarà ridotta del 96% per salvaguardare l’ambiente e contrastare i danni al clima.

In risposta alla grande richiesta degli studenti, i pasti delle mense a Berlino diventeranno ancora più rispettosi del clima. Secondo quanto comunicato di recente, è previsto un lunedì senza carne e un ampliamento generale della gamma di piatti vegetariani e vegani dal prossimo semestre invernale. “Il nuovo concetto nutrizionale è stato sviluppato in particolare perché gli studenti ci hanno ripetutamente contattato con il desiderio di rendere il cibo offerto nelle mense ancora più rispettoso del clima“, spiega Daniela Kummle dello Studierendenwerk.

Mensa
Mensa

Menu universitari di Berlino: gli studenti dicono ‘no’ alla carne per tutelare il clima

È tempo di dire addio al currywurst e alla schnitzel nelle università di Berlino, optando per verdure e sostituti della carne. Gli studenti universitari di Berlino scelgono menu green negli atenei. In futuro, le opzioni vegetariane e vegane costituiranno la maggior parte del menu nelle mense berlinesi: solo il 4% circa del menu sarà composto da carne o pesce. Secondo Daniela Kummle, da anni i refettori della città offrono ogni giorno un cosiddetto pasto climatico vegano, caratterizzato da un’impronta di CO2 particolarmente bassa.

Oltre ai cambiamenti nel menu che sono stati annunciati, molte università di Berlino sono impegnate per tutelare l’ambiente anche in altri settori. Per questo hanno creato concetti globali di protezione del clima. L’Università tecnica (TU) di Berlino, ad esempio, si è posta l’obiettivo di diventare climaticamente neutra entro il 2045. Lo stesso obiettivo è condiviso dall’Università Humboldt che punta a raggiungerlo entro il 2030. Tra le altre cose, gli edifici dovranno essere ristrutturati per l’efficienza energetica. Centinaia di dipendenti vogliono anche evitare voli a corto raggio per viaggi di lavoro e hanno firmato un impegno volontario a tal fine.

La transizione dalla carne ai menu veg e vegetariani

Le 34 mense presenti in 4 campus aperte alla popolazione studentesca di Berlino offriranno un menu per il 68% vegano, per il 28% vegetariano e per il 2% a base di pesce, con un’unica opzione di carne che sarà offerta quattro giorni alla settimana. I menu includeranno barbabietole marinate e semi di sesamo, sformati di pasta con pomodoro e formaggio, ciotole di grano saraceno e farro con patate dolci grigliate e molto altro.

Cucina vegana
Cucina vegana

Secondo il portavoce del Deutsches Studentenwerk, Stefan Grob, le mense universitarie e le mense in tutta la Germania offrono attualmente il 30-50% di opzioni vegetariane, “ma a Berlino c’è una massa critica“. Nel 2019, le università di Berlino hanno fornito circa 5,6 milioni di pasti agli studenti nelle loro mense. Nello stesso anno, un sondaggio ha rilevato che il 13,5% della popolazione studentesca di Berlino diceva di aver scelto di passare a una dieta vegana, rispetto a solo l’1,6% nel paese nel suo insieme, mentre un ulteriore 33% si dichiarava vegetariano, secondo quanto riporta The Guardian.

ultimo aggiornamento: 05-09-2021


Bari, spiagge pulite in estate grazie ai pesci mangia plastica

Addio “rossa”: la benzina super con piombo non c’è più in tutto il mondo