Carnivak-Cov è il primo vaccino anti COVID-19 destinato agli animali. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul farmaco.

Si chiama Carnivak-Cov ed è il primo vaccino al mondo anti COVID-19 destinato agli animali. Registrato in Russia, dovrebbe entrare in produzione entro il mese di aprile 2021. La sua sperimentazione clinica, avvenuta su cani, gatti, volpi e altri animali, è iniziata lo scorso ottobre e ha portato a risultati eccellenti.

Carnivak-Cov: il primo vaccino anti COVID-19 per gli animali

Gli scienziati del Servizio federale per la sorveglianza veterinaria e fitosanitaria (Rosselkhoznadzor) della Russia hanno registrato Carnivak-Cov. Si tratta del primo vaccino al mondo che promette di proteggere gli animali dal COVID-19. Benché non ci siano prove scientifiche sulla trasmissione del nuovo Coronavirus dall’animale all’uomo, gli studiosi hanno ritenuto necessario dare il via ad una ricerca di questo tipo.

Cane dal veterinario
Cane dal veterinario

Dallo scorso ottobre ad oggi, gli scienziati hanno testato il vaccino su cani, gatti, visoni, volpi e altri animali e, dopo i risultati ottenuti, hanno deciso di metterlo in produzione entro aprile 2021.

Carnivak-Cov, un vaccino inattivato con sorbato contro l’infezione da Coronavirus (COVID-19) per gli animali carnivori, sviluppato dal Centro federale per la salute animale di Rosselkhoznadzor, è stato registrato in Russia. Finora, è il primo e unico prodotto al mondo per prevenire il COVID-19 negli animali“, ha dichiarato il vice capo dell’organismo di controllo Konstantin Savenkov all’agenzia di stampa russa Tass.

Carnivak-Cov: i risultati delle sperimentazioni

Le sperimentazioni di Carnivak-Cov attuate fino ad oggi hanno portato a risultati eccellenti. Stando a quanto dichiarato da Konstantin Savenkov, tutti gli animali che hanno ricevuto il vaccino “hanno sviluppato anticorpi contro il nuovo Coronavirus nel 100%” dei casi. Inoltre, il farmaco risulta essere “sicuro” e avere un “forte effetto immunogenico“.

La ricerca da parte degli scienziati russi, ovviamente, non si ferma qui. Nei prossimi mesi, continueranno ad analizzare Carnivak-Cov per scoprire la sua copertura. Al momento, infatti, sembra che il farmaco non duri meno di sei mesi. Nel frattempo, il vaccino verrà immesso sul mercato e alcune aziende di Grecia, Polonia e Austria hanno già richiesto l’approvvigionamento.

In conclusione, è bene sottolineare che, al momento, non ci sono prove scientifiche sulla trasmissione del COVID-19 dagli animali di compagnia all’uomo. È quest’ultimo, infatti, che può contagiare il cane o il gatto e non viceversa.


Barilla lancia un concorso: la sfida è disegnare un nuovo formato di pasta

Cos’è e come funzionerà l’assegno unico familiare previsto dallo Stato?