In Francia nascono i cassieri Bla Bla, che arrivano in soccorso dei clienti che hanno voglia di parlare: vediamo i dettagli del servizio.

Dopo aver lanciato il postino che arriva a casa degli anziani per accertarsi della loro salute e scambiare quattro chiacchiere, la Francia punta ai supermercati. Negli ultimi giorni, in alcune catene del Paese, sono apparsi i cassieri Blablabla. Vediamo che compiti hanno e perché si distinguono dagli altri colleghi.

Francia, lanciati i cassieri Blablabla: chi sono?

Il nome, cassieri Blablabla, dovrebbe farci comprendere all’istante il ruolo di queste speciali figure professionali. Eppure, sembra assurdo che debba nascere personale ‘qualificato’ e dotato di pazienza e di un minimo di parlantina. Cerchiamo di procedere con ordine e lasciamo le lamentele, visto che siamo in tema, alla fine. Da qualche giorno, in alcuni supermercati francesi del marchio Carrefour e Super U sono apparsi i cassieri Blablabla. Appositamente segnalati da un cartello, che ne indica la cassa di riferimento, non sono altro che persone volontarie che si offrono per la mansione in questione.

In sostanza, non devono fare altro che far pagare il cliente e non sottrarsi laddove lo stesso intavoli un discorso. L’esigenza di inserire questa figura professionale nasce dalla vita frenetica che, ad oggi, tutti noi abbiamo. Creando apposite casse destinate al dialogo, quindi, si evita che i clienti in coda, che non hanno voglia di ascoltare banali chiacchiere, possano pagare senza intoppi di alcun tipo.

Per adesso, la Francia ha attivato i cassieri Blablabla in 150 punti vendita e, soltanto dopo un primo periodo di prova, si deciderà se continuare o meno. E’ bene sottolineare che questi cassieri sono volontari e, di conseguenza, non pagati. Dopo i primi giorni di servizio, si è stilata una sorta di indagine di mercato. Questa evidenzia che hanno usufruito del personale dialogante soprattutto persone sole, famiglie, anziani e qualche giovane. E’ ancora presto, però, per fare un profilo del cliente tipo.

I cassieri Blablabla arriveranno anche in Italia?

E’ bene sottolineare che i cassieri Blablabla non si mettono a parlare con il cliente per ore ed ore, ma svolgono il loro servizio giusto il tempo di mettere gli articoli sul nastro e fare effettuare il pagamento. Si limitano, quindi, a parlare del più e del meno laddove ce ne sia bisogno.

È un sistema che permette di evitare le frustrazioni quando una conversazione nasce con il cliente alla cassa ma la persona in coda ha fretta e si spazientisce. Chi sceglie quella cassa sa che cosa aspettarsi, è un modo per garantire un po’ di legame sociale“, ha dichiarato la portavoce dell’ipermercato, Gaelle Prampart, al giornale La République de Seine et Marne.

Non sappiamo se i cassieri Blablabla arriveranno mai in Italia o meno, ma è davvero assurdo che ci sia bisogno di figure professionali di questo tipo per garantire un “legame sociale”. Davvero la frenesia del vivere quotidiano ci fa spazientire se in cassa, o in qualsiasi altra circostanza, perdiamo qualche minuto? Forse dovremmo imparare a dialogare, con gli anziani, con i bambini e con qualsiasi altra persona, in modo da riappropriarci di ciò che c’è stato tolto: l’empatia.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 08-02-2022


L’affido culturale sbarca a Milano: concerti, musei e spettacoli per i bambini più svantaggiati

Bonus ascensori e montacarichi 2022: a chi spetta e i requisiti da rispettare