Il bonus ascensori e montacarichi 2022 ha l’obiettivo di abbattere le barriere architettoniche, promuovendo la costruzione di questi impianti.

Tra i vari bonus introdotti dalla Legge di Bilancio, c’è il bonus ascensori e montacarichi 2022. Questo incentivo è stato ideato al fine di agevolare la costruzione di questi impianti, abbattendo – di conseguenza – le barriere architettoniche. Ecco a chi spetta e i requisiti da osservare.

Bonus ascensori e montacarichi 2022: in cosa consiste l’incentivo

Il bonus ascensori e montacarichi 2022 – che va a sommarsi a tutti gli altri bonus present nella Legge di Bilancio, compreso quello per i lavori in casa – ha come obiettivo quello rendere fruibili gli spazi a tutti i soggetti che vi transitano, abbattendo, così, le barriere architettoniche. Questo incentivo prevede una detrazione pari al 75% per le spese documentate dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, sostenute per la realizzazione di questo genere di impianti. Il rimborso fiscale viene ripartito in cinque anni, mediante quote di uguale importo.

Ascensori
Ascensori

Ci sono, però, dei limiti di spesa da osservare: per le unità immobiliari – situate all’interno di edifici plurifamiliari e per gli edifici unifamiliari, l’importo massimo è di 50 mila euro; la quota scende a 40 mila euro in base al numero delle unità immobiliari che fanno parte dell’edificio (da 2 a otto unità immobiliari). Infine, si scende a 30 mila euro se ci si trova di fronte a più di otto unità immobiliari. Qualora l’ascensore e/o il montacarichi siano già presenti, le spese possono far riferimento alle spese di smaltimento o bonifica degli impianti.

Come richiedere l’incentivo: a chi spetta

Sia le persone fisiche, sia condomini possono richiedere il bonus ascensori e montacarichi 2022: a questi, si aggiungono le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, gli istituti autonomi di case popolari, le organizzazioni di utilità sociale e le società sportive dilettantistiche e le associazioni.

Le misure della cabina dovranno rispettare degli standard precisi: almeno 1 metro e 20 centimetri di profondità e 80 centimetri di larghezza. Non solo: dovrà esserci almeno 1 metro e 40 di spazio libero davanti alla cabina. Le porte dovranno restare aperte almeno otto secondi e richiudersi in quattro. Se l’ascensore è fermo, le porte dovranno essere sempre chiuse.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 09-02-2022


Francia, i cassieri sono Blablabla: cosa fanno di diverso?

Come cambierà la Tari, la tassa sui rifiuti: l’Arera presenta il suo piano