L’eclissi solare del 10 giugno non sarà visibile agli abitanti di tutto il mondo e apparirà diversamente a seconda del punto di osservazione.

Sono passati ormai 12 mesi dall’ultima eclissi solare. Giovedì 10 giugno soltanto pochi fortunati potranno assistere allo spettacolare evento ottico-astronomico. L’eclissi cosiddetta anulare sarà visibile in alcune aree settentrionali della Terra. All’eclissi parziale, poi, potrà assistere anche la maggior parte dell’Europa. In Italia, invece, soltanto alcuni abitanti delle regioni del Nord vedranno il Sole oscurarsi, ma solo minimamente. Per tutti gli altri saranno disponibili svariate dirette streaming del fenomeno.

Chi potrà vedere l’eclissi del 10 giugno 2021 in Italia e Europa?

L’eclissi anulare del 10 giugno 2021 sarà osservabile soltanto in alcune aree remote del nostro pianeta: nord del Canada, Circolo polare artico, Groenlandia e Russia settentrionale.

La si potrà guardare, per farlo in totale sicurezza, tramite un vetro oscurato, poiché i soli occhiali non basterebbero a proteggere gli occhi.

Eclissi solare parziale
Eclissi solare parziale

I cittadini europei, invece, sono quelli che il 10 giugno assisteranno ad un’eclissi soltanto parziale. Nell’evento di un’eclisse parziale, infatti, il centro del Sole non risulta allineato con quello lunare, a differenza degli altri due tipi di eclissi. Perciò, la porzione di Sole che rimane “illuminata” può assumere svariate forme, a seconda di come il nostro satellite si posiziona fra noi e il disco solare.

In Italia la prossima eclissi sarà uno spettacolo davvero elitario, riservato ai soli abitanti delle regioni settentrionali. Gli studiosi dicono che già a sud di Firenze non sarà possibile scorgere alcun cambiamento. A Milano, per esempio, l’oscuramento inizierà intorno alle 11.30 del mattino e raggiungerà il suo massimo circa mezz’ora dopo. La fine è attesa intorno alle ore 13.00, ma la copertura del Sole sarà soltanto del 3,5%.

Cos’è un’eclissi di Sole?

Un’eclissi di Sole è un celebre fenomeno ottico-astronomico che ha luogo nel sistema Luna-Terra-Sole. Esso è contraddistinto dall’oscuramento del Sole ad opera del satellite lunare, avendo come prospettiva di osservazione la Terra.

Eclissi solare anulare nel deserto
Eclissi solare anulare nel deserto

In base al modo in cui appaiono a chi osserva dalla Terra, le eclissi solari possono essere di diversi tipi.

  • Nell’eclissi totale, per esempio, il Sole appare completamente oscurato da parte della Luna.
  • In quella anulare, invece, la Luna si trova, rispetto alla Terra, a una distanza che non le permette di frapporsi completamente fra il nostro pianeta e il disco solare. Il risultato è che, visivamente, rimane scoperto del Sole soltanto il bordo più esterno. Questa sorta di cerchio va a formare uno spettacolare anello luminoso, da cui deriva il nome di questo particolare fenomeno.

Allo Sferisterio di Macerata il primo spettacolo Covid-free d’Italia

COVID-19: avremo bisogno di una terza dose di vaccino? Ecco cosa dicono gli esperti