Si chiama FoodNet ed è l’app dedicata alla sana alimentazione degli over 65. Avrà un’interfaccia ad hoc, semplice ed intuitiva.

Da un progetto di ricerca, FoodNet diventa anche un’app destinata al benessere alimentare degli over 65. Realizzata dal Gruppo Aton IT, specializzato nello sviluppo e applicazione di soluzioni full service, è basata sui dati analizzati da tre centri di ricerca universitari.

Il progetto di ricerca e innovazione FoodNet è nato a Milano per cercare di rispondere alle esigenze alimentari dei cittadini over 65. Nove partner e tre centri di ricerca universitari si sono impegnati per analizzare le abitudini a tavola di coloro che hanno compiuto 65 anni, con l’obiettivo di incrementare la consapevolezza alimentare. A sviluppare l’applicazione, che sarà disponibile sia per Android che per Apple, è stato chiamato il Gruppo Aton IT in partnership con BSD Design.

FoodNet: dal progetto all’app per gli over 65

Considerando la fascia d’età a cui sarà destinata FoodNet, Aton ha sviluppato un’interfaccia estremamente semplice e intuitiva. L’app sarà suddivisa in tre sezioni: diario, companion ed esplora. Quest’ultima è la sezione informativa, in cui sono raccolte le indicazioni per seguire uno stile alimentare sano. Ogni scheda, ovviamente, è stata studiata in base all’età del soggetto di riferimento. Inoltre, ci sono anche dei suggerimenti inerenti i “luoghi“, ovvero dei punti d’interesse all’interno di una mappa che consentono di mantenersi in buona salute. Infine, il diario, come suggerisce la parola, è una sorta di taccuino virtuale dove prendere nota delle proprie azioni, abitudini o progressi.

Cibo italiano

FoodNet: l’app per il benessere alimentare può contare su Franco

Dulcis in fundo, gli utenti di FoodNet possono contare sull’aiuto di Franco, ovvero un assistente virtuale. Un po’ come se fosse un amico, Franco interagisce via chat con coloro che chiedono la sua assistenza. L’utente, dal canto suo, dovrà fornire alcune informazioni personali, in modo da rendere più completa possibile la ‘consulenza’.

Tale scelta è stata fatta avendo a cura una progettazione centrata sull’utente finale, over 65, non nativo digitale. E’ necessario tenere presente, infatti, che l’approccio generale all’utilizzo di Internet e App è molto diverso e molto meno pervasivo rispetto ai nativi digitali. Piuttosto che pensare a un’interazione di tipo ‘reattivo’, che necessita costantemente di input, è preferibile progettare servizi ‘proattivi’ in grado di fornire suggerimenti o di proporre azioni e attività consigliate, accompagnando l’utente verso il completamente di task brevi e semplici, come appunto una semplice chat e alcune semplici domande“, ha spiegato Fabio Petriccione, Senior Project Manager di ATON, nel comunicato stampa.

L’obiettivo di FoodNet App è guidare gli over 65 in un percorso di consapevolezza alimentare, che possa garantire loro un benessere psicofisico.

ultimo aggiornamento: 26-08-2021


Stop ai sussidi alle fonti fossili: il Parlamento europeo mette il freno agli aiuti di stato

Il dispositivo che misura il gradimento di un’opera d’arte: ecco ShareArt