La Francia combatte la plastica: da gennaio 2022 spariranno tutti gli imballaggi di frutta e verdura. Diamo uno sguardo alla legge.

Una legge che può e deve essere imitata: la Francia dice stop alla plastica. Da gennaio 2022 verranno eliminate tutte le confezioni di plastica di frutta e verdura. Una scelta che, secondo le stime, consentirà di togliere dal mercato 1 miliardo di imballaggi all’anno. Ecco tutte le informazioni da conoscere.

Francia dice stop agli imballaggi di frutta e verdura entro il 2026

La battaglia della Francia contro la plastica prenderà il via a gennaio del 2022. Entro il 2026, il Paese della baguette conta di eliminare definitivamente dal mercato tutte le confezioni in plastica di frutta e verdura. Dalle zucchine alle melanzane, passando per mele, fragole, banane, kiwi, avocado e chi più ne ha ne metta: gli imballaggi di questo tipo non compariranno più nei supermercati e nei negozi della Francia. Si parte a gennaio 2022, con un divieto imposto solo ad una trentina di alimenti vegetali, per arrivare allo stop totale nel 2026.

Il Governo francese ha stimato che questa legge per combattere la plastica porterà ad utilizzare 1 miliardo di imballaggi in meno all’anno, spingendo i consumatori all’acquisto di merce sfusa o contenuta in confezioni di altro materiale. Si calcola, infatti, che circa il 37% di frutta e verdura viene venduta sul mercato del Paese utilizzando packaging di questo tipo.

Usiamo una quantità oltraggiosa di plastica monouso nella nostra vita quotidiana. La legge sull’economia circolare mira a ridurre l’uso della plastica usa e getta e ad aumentare la sua sostituzione con altri materiali o imballaggi riutilizzabili e riciclabili“, ha dichiarato il Governo francese in una nota stampa.

Raccolta differenziata plastica

La Francia mira a diventare un Paese sempre più ecosostenibile

La battaglia della Francia contro la plastica, in realtà, è iniziata nel 2020 e non fa altro che adeguarsi alle disposizioni europee sulla riduzione/eliminazione della plastica usa e getta. Il Paese ha anche deciso di aumentare le fontanelle d’acqua pubbliche, in modo da limitare la vendita e il conseguente consumo di bottiglie da mezzo litro. Inoltre, dal 2023 ci sarà il divieto per tutti i fast food di distribuire e utilizzare stoviglie usa e getta.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 01-11-2021


Il film ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino è candidato per l’Italia all’Oscar

Milano si prepara ad accogliere il primo vertiporto per il decollo dei taxi volanti