Giovanni Rana sostiene ancora una volta il Banco Alimentare e dona oltre 2 milioni di piatti freschi a coloro che sono in difficoltà.

L’azienda di Giovanni Rana è scesa in campo per aiutare chi, in questo delicato momento di pandemia, si trova in difficoltà. A sostegno del Banco Alimentare, il noto produttore di pasta fresca ha lanciato una campagna volta a donare un pasto caldo ai più bisognosi. Da ottobre 2020 a febbraio 2021 sono stati distribuiti circa 267 tonnellate di prodotti Rana.

Giovanni Rana in sostegno del Banco Alimentare

Giovanni Rana ha dato vita ad un progetto di solidarietà che ha raggiunto risultati inaspettati. In questo lungo anno di pandemia da COVID-19, sono molti quelli che si sono ritrovati senza lavoro e, di conseguenza, privati di un pasto caldo. Non a caso, le richieste di aiuto pervenute al Banco Alimentare sono aumentate a dismisura. È proprio per questo motivo, che l’azienda italiana di pasta fresca ha deciso di scendere in campo con un progetto nazionale di solidarietà. Da ottobre 2020 a febbraio 2021, sono stati offerti 2.136.456 primi piatti a coloro che ne avevano bisogno.

L’emergenza sanitaria ha creato una crisi economica e sociale senza precedenti. Credo quindi sia vitale fornire un sostegno concreto a coloro che più hanno bisogno e dare così il proprio contributo a questo nostro paese che si sta impegnando per rialzarsi e ripartire. Lo spirito che lo anima è condivisione, unione, tra la nostra famiglia, la comunità di coloro che lavorano con noi e quella dei consumatori che scelgono la nostra qualità, sapendo che vale doppio, perché supporta chi è in difficoltà“, ha dichiarato Gian Luca Rana, AD del Pastificio.

Nel complesso, si tratta di circa 267 tonnellate di prodotti Rana, distribuiti da più di 2.000 volontari in 7.600 strutture caritative del Banco Alimentare in Italia. Il tutto è stato possibile grazie alla spesa effettuata dagli stessi italiani. Per ogni pacco di Ravioli dolci con cioccolato acquistato, Rana ha donato due scatole di pasta fresca all’associazione che si occupa di distribuire un piatto caldo a coloro che non possono permetterselo.

Una spesa solidale del tutto tracciata

Dato che non può assolutamente essere trascurato è la tracciabilità della spesa solidale. Sul sito di Giovanni Rana, infatti, si possono consultare in modo trasparente tutte le donazioni. Pertanto, il consumatore si sente coinvolto concretamente in un’azione di generosità.

Quando leggo i dati su questa ondata di povertà, non vedo numeri ma volti di persone sconvolte dalla perdita del lavoro, dal vuoto emotivo e sociale che questa perdita genera. Per questo sono profondamente grato che questo nostro progetto di solidarietà in pochi mesi abbia garantito più di due milioni di piatti di pasta fresca, è un risultato che parla da sé. La solidarietà e la gratitudine sono valori irrinunciabili, soprattutto nella situazione che stiamo vivendo. Questa straordinaria partecipazione delle persone conferma che la tavola è incontro, è amicizia“, ha dichiarato Gian Luca Rana.

La collaborazione tra l’azienda di Giovanni Rana e il Banco Alimentare ha avuto inizio nel 2016, con l’obiettivo di garantire un cibo di qualità anche a coloro che non possono permetterselo. In 5 anni, il Pastificio ha donato circa 10 milioni di piatti di pasta fresca.

Inoltre, dal 15 marzo 2021 ha lanciato una nuova campagna che durerà fino al prossimo settembre. Si chiama Rana – Giro d’Italia e prevede una donazione al Banco Alimentare per ogni prodotto della nuova gamma acquistato.

ultimo aggiornamento: 27-04-2021


Bonus zanzariere 2021, arriva la conferma: chi può averlo e come si ottiene

Come diventare influencer e quali sono i vantaggi di questo lavoro