Finalmente il gentil sesso vanta un primato: in Italia, la maggioranza degli avvocato sono donne. La regione più rosa è l’Umbria.

Una notizia che, considerando l’ambiente legale, non ci aspettavamo: in Italia più di un avvocato su due è donna. Stando al numero degli iscritti alla Cassa Forense, il gentil sesso è la maggioranza. La regione nostrana più rosa è l’Umbria, mentre ad avere il reddito più alto sono le avvocatesse iscritte all’albo della Valle d’Aosta.

Italia, la maggior parte degli avvocato sono donne: i numeri

Sono 115.724 le donne avvocato in attività registrate nel 2020, contro i 115.571 uomini. Una maggioranza, quella rosa, pari al 50,03% del totale. Questo è quanto risulta dal numero degli iscritti alla Cassa Forense. Un traguardo che, con tutta onestà, non ci aspettavamo, soprattutto perché si parla di un ambiente lavorativo che, fino a qualche anno fa, era quasi del tutto appannaggio dell’universo maschile.

La regione italiana che vede la maggioranza di avvocatesse sul totale è l’Umbria, con il 55% di donne rispetto agli uomini. E’ seguita da: Emilia-Romagna e Piemonte (54,6%), Toscana (54,1%) e Lombardia (53,7%). A registrare meno donne, invece, è la Valle d’Aosta (43,5%), seguita da Campania (44,7%), Puglia (44,7%), Trentino Alto Adige (47,2%) e Molise (47,3%).

Busto Arsizio, in provincia di Varese, ha l’Ordine degli Avvocati che vanta la percentuale più alta di donne, con il 61%, seguito da Rieti con il 60%. Mentre possiamo gioire perché in Italia la maggior parte degli avvocato sono donne, c’è da piangere per un altro risultato che non dovrebbe essere tale: le parcelle ‘rosa’ sono inferiori rispetto a quelle degli uomini.

Le parcelle, purtroppo, non sono altrettanto rosee

Le donne avvocato che hanno il reddito più alto sono quelle iscritte all’Ordine della Valle d’Aosta, con ben 42.265 euro dichiarati. Subito dopo troviamo la Lombardia con 40.631 euro e il Trentino Alto Adige con 40.130 euro. Il reddito più basso, invece, è quello dichiarato dalla Calabria, pari a 12.574 euro, seguita dalla Basilicata (14.222 euro) e dalla Sicilia (14.790).

La Cassa Forense, però, ha portato alla luce un altro aspetto che riguarda la differenza tra le parcelle percepite dagli uomini e quelle incassate dalle donne. Il reddito del gentil sesso risulta inferiore di oltre la metà rispetto ai maschietti. La regione che fa strabuzzare gli occhi è la Lombardia, dove il reddito medio delle avvocatesse equivale al 39,8% di quello degli uomini. In Sardegna e in Friuli Venezia Giulia la differenza c’è, ma è meno netta: rispettivamente 55,7% e 50,6%.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 08-03-2022


Portofino si illumina di giallo e blu in solidarietà con l’Ucraina

8 marzo, arriva #finiscequi: l’iniziativa di UniTrento contro molestie e discriminazioni