Kenzo Digital ha realizzato un’installazione multilivello che consente al visitatore di stare tra le nuvole a 300 metri di altezza.

L’artista di Brooklyn, Kenzo Digital, ha trasformato il cuore di Midtown Manhattan in un’opera d’arte multilivello, denominata Air, nuova installazione permanente al Summit One Vanderbilt, gli ultimi tre piani progettati da Snøhetta del grattacielo di 93 piani che ha aperto vicino al Grand Central Station lo scorso settembre. Una camera riflettente di luce e vetro in cui quasi ogni superficie diventa un altro punto di osservazione su New York City: questo è Air, un ponte di osservazione che funge anche da opera d’arte immersiva. In totale, ci sono 25.000 piedi quadrati di specchi.

Ragazza tra le nuvole
Ragazza tra le nuvole

Digital Kenzo presenta Air, opera d’arte immersiva multilivello

Un’installazione che permette di camminare tra le nuvole a 300 metri d’altezza. Questo offre Air, opera d’arte immersiva, realizzata da Kenzo Digital. “Anche se volessi descrivere a parole ciò che state per affrontare, il linguaggio sarebbe un po’ limitante“, ha sottolineato Kenzo ad Artnet News in merito all’esperienza che offre la sua sognante opera d’arte mutevole. Ecco il video:

Una volta raggiunta l’installazione, il visitatore si ritrova in un corridoio buio che si avvicina agli ascensori, completamente specchiati, con uno spettacolo di luci e suoni, intitolato Launch. Da lì, i visitatori camminano lungo un curvo corridoio bianco immerso in una luce colorata mutevole e nell’abisso specchiato, possono ammirare le strade della città e lo skyline, sopra e sotto di loro, nell’infinito, riflesso più e più volte.

Come ha fatto notare l’artista, si tratta di “un’esperienza della natura surrealista che può accadere solo a New York. Lo considero un monumento moderno che rappresenta il futuro della città”. E ha aggiunto: “Vivendo a New York, sei così tagliato fuori dalla natura. All’ombra degli edifici non si vede mai il sole. Qui ritrovi la natura in cui vivi“.

Un’opera d’arte cangiante

Air è un’opera d’arte in costante mutamento, che cambia in risposta alla luce e alle intemperie. Ogni ora del giorno è sincronizzata con una colonna sonora del sound designer Joseph Fraioli, che ha lavorato con il regista Christopher Nolan in film come Tenet.

Anche l’aria si evolve nel tempo, sia in risposta allo sviluppo senza fine della città, sia grazie al design dell’artista: C’è, inoltre, anche uno spettacolo di luci mutevoli che inizia ogni giorno al tramonto: bagliori scintillanti scendono a cascata tra gli strati infiniti della camera specchiata. “Ha una vita propria“, ha detto Kenzo. “Volevo creare uno spazio che avesse una relazione profondamente emotiva con gli esseri umani nel tempo.”

L’artista ha speso tre anni e mezzo sul progetto, inaugurato il mese scorso. La maggior parte del lavoro in loco si è svolto durante il blocco, quando il vivace quartiere di Midtown era stranamente vuoto. “Ho trascorso la maggior parte del 2020 in una maschera antigas nella New York abbandonata. Era come vivere in un film di fantascienza”, ha detto Kenzo.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 28-11-2021


Nuovi stili di consumo post-pandemia: condivisione, sostenibilità e attenzione alla salute

L’Imprenditore dell’Anno è una donna: il Premio EY 2021 a Elisabetta Franchi