L’imprenditrice dell’anno è la fondatrice del brand di abbigliamento e amministratrice unica di Betty Blue Elisabetta Franchi: le sue parole d’ordine sono coraggio e sostenibilità.

Elisabetta Franchi è la vincitrice del Premio EY 2021: è lei l’imprenditrice dell’anno. La 24esima edizione del riconoscimento, assegnato dal network Ernst & Young, è dominata dalla fondatrice dell’omonimo marchio di abbigliamento e amministratrice unica di Betty Blue. La cerimonia di premiazione si è tenuta a Palazzo Mezzanotte, nella sede della Borsa di Milano. La motivazione della giuria è “per aver dato vita a un brand all’insegna della qualità, artigianalità e sartorialità della moda Made in Italy e averlo portato alla fama internazionale, affrontando il percorso di crescita con coraggio, tenacia e un costante impegno nell’innovazione in chiave etica e sostenibile”.

Elisabetta Franchi imprenditrice del 2021 per EY

Il Premio EY è riservato agli imprenditori italiani che guidano aziende con un fatturato di almeno 25 milioni di euro. La missione di Ernst & Young è segnalare i talenti che contribuiscono alla crescita dell’economia con coraggio, spirito innovativo e visione strategica del futuro.

Sono onorata di questo importante riconoscimento che premia il percorso di crescita, impegno e coraggio che il nostro brand ha affrontato – ha dichiarato Franchi –. Ci tengo a ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere questo traguardo, che conferma che la qualità, artigianalità, sartorialità della moda Made in Italy, combinata a una visione internazionale in ottica etica e sostenibile, rappresentano valori chiave del nostro brand”.

Elisabetta Franchi
Elisabetta Franchi

Classe 1968, Elisabetta Franchi si diploma all’Istituto Aldrovandi Rubbiani di Bologna e comincia la carriera con lavori saltuari come la commessa. Nel 1995 apre il suo primo piccolo atelier, dove comincia a realizzare i primi capi. Betty Blue nasce nel 1998, mentre nel 2008 la designer inaugura la sua maison eco-sostenibile di oltre 6mila metri quadrati immersa nella campagna bolognese.

Il marchio Elisabetta Franchi esiste dal 2012: oggi l’azienda conta circa 300 collaboratori e vanta 87 boutique monomarca dislocate nelle città più importati del mondo. Nel 2019 la società ha raggiunto 120 milioni di euro di ricavi. Dal 2013 è attivo a Milano, in Via Tortona 9, il primo showroom direzionale, in una palazzina di 950 metri quadrati sviluppata su sei livelli.

Premio EY imprenditore dell’anno: Elisabetta Franchi eccellenza italiana

L’innovazione di Elisabetta Franchi “in chiave etica e sostenibile” si deve al suo impegno ambientalista e animalista. Il suo brand aderisce ai programmi Fur Free Retail e Animal Free della Lav, ha eliminato dalla produzione la pelliccia animale, le piume d’oca e la lana d’angora.

Grazie EY Italy per avere premiato la costanza, la tenacia e la visione di un piccolo imprenditore partito con un grande sogno, senza soldi e tanto coraggio – scrive Franchi in un post di ringraziamento sui social. Sono felice perché su quel palco non avrei mai pensato di salirci”.

Ad assegnare i Premi EY all’Imprenditore dell’Anno è una giuria presieduta da Guido Corbetta, professore all’Università Bocconi di Milano. Gli altri membri sono Alberto Baban (imprenditore), Paolo Boccardelli (direttore di Luiss Business School), Laura Colnaghi Calissoni (presidente e ad del Gruppo Carvico), Monica Mandelli (Managing Director di KKR & Co), Marco Nocivelli (presidente e ad del Gruppo Epta), Cristina Scocchia (ad di Kiko), Paolo Scudieri (ad di Adler Plastic) e Nunzio Tartaglia (responsabile CDP Imprese).

Ecco la Hall of Fame del 2021 con tutti i riconoscimenti conferiti.

  • Vincitrice Nazionale: Elisabetta Franchi
  • Family Business: Nicola Drago, Ceo di De Agostini Publishing
  • Consumer & Retail: Lorenzo Delladio, Ceo e Presidente di La Sportiva
  • Food & Beverage: Salvatore Casillo, Proprietario di Pastificio Liguori
  • Health & Pharma: Francesco Pizzocaro, Presidente e Fondatore di P&R Group
  • Manufacturing & Automotive: Massimo Galassini, Fondatore e Ceo di USCO
  • Sustainability: Roberto Panfili, Co-fondatore e Coo di Portobello
  • Premio Startup: Giovanni Fiengo, Ceo di Kineton
  • Premio Speciale EY: Giorgio Marsiaj, Chairman e Chief Executive Officer di Sabelt
  • Premio Speciale EY Startup: Fabio Porcellini, Ceo di Natlive
  • Premio progetto innovativo di promozione del Made in Italy: Paolo Barletta, Ad di Gruppo Arsenale

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 29-11-2021


Camminare tra le nuvole a 300 metri d’altezza: la sognante installazione di Kenzo Digital

C’è carenza di bottiglie di vetro: il mondo del beverage lancia l’allarme