Dopo Make-A-Scene, Meta – la casa madre di Facebook – lancia un’altra innovazione: un’IA generativa che elabora veri e propri video in alta qualità dalle informazioni di testo.

Facebook continua a cambiare faccia. Per fronteggiare l’emorragia di utenti, le forti perdite economiche e il calo delle azioni in Borsa, Meta – la casa madre del più grande social network al mondo – lancia Make-A-Video, un sistema basato sull’Intelligenza Artificiale generativa. Questa tecnologia permetterà agli iscritti di trasformare i post di puro testo in brevi video a colori e in alta qualità, con personaggi, sfondi e paesaggi.

Make-A-Video, che cos’è la novità di Facebook

L’idea dietro Make-A-Video è semplice: far sì che i messaggi postati dalle persone su Facebook diventino veri e propri cortometraggi, animati e live action. La Generative AI è la tecnologia che già si usa per il deepfake (il morphing che rielabora immagini corporee e facciali e le adatta a un contesto diverso) ma è anche diffusa nell’industria multimediale, nell’arte e nel design.

I video – spiega Mark Zuckerberg in un postsono stati generati da un sistema di Intelligenza Artificiale creato dal nostro team di Meta. Gli dai una descrizione testuale e crea un video per te”. Il video postato da Zuckerberg racchiude le stringhe di testo “un orsacchiotto che dipinge un autoritratto”, “un cucciolo di bradipo con un cappello lavorato a maglia che cerca di capire un computer portatile”, “un’astronave che atterra su Marte” e “un robot che surfa un’onda nell’oceano”.

Una donna si diverte a vedere un video su Facebook
Il futuro di Meta è con Make-A-Video e Make-A-Scene

È un progresso davvero fantastico – aggiunge Zuckerberg –. È molto più difficile generare video rispetto alle foto perché oltre a generare correttamente ogni pixel, il sistema deve anche prevedere come cambieranno nel tempo. Make-A-Video risolve questo problema aggiungendo un livello di apprendimento non supervisionato che consente al sistema di comprendere il movimento nel mondo fisico e di applicarlo alla generazione tradizionale di testo-immagine. Speriamo di avere una versione Beta che più persone possano provare presto”.

Dopo aver lanciato la nuova versione degli avatar che rappresenteranno gli utenti nella realtà virtuale, Zuckerberg continua a diversificare ed arricchire l’offerta del suo colosso. Da Meta fanno sapere che “la ricerca sull’AI generativa sta stimolando la creatività e sta offrendo alle persone strumenti per creare contenuti nuovi, in modo rapido e semplice”.

Make A Video, Meta darà forma alla creatività

Make-A-Video farà coppia con Make-A-Scene, l’algoritmo messo a punto dal laboratorio di AI di Meta Platforms per realizzare opere digitali partendo dai post di testo. La sfida con questa combo di strumenti è far sì che gli iscritti possano pubblicare, attraverso la Generative AI, nuovi contenuti digitali che includono anche concetti astratti, emozioni e sensazioni umane.

Partendo da semplici testi e descrizioni, l’IA di Make-A-Video darà forma audiovisiva alla creatività delle persone, anche chi non possiede il talento di un regista, di un animatore o di uno youtuber. La missione di Facebook è attirare nuovi utenti con uno strumento in grado di liberare la loro creatività potenziale.

Con Make-A-Scene – specificano da Meta – abbiamo dimostrato come le persone possono creare illustrazioni fotorealistiche e arte di qualità narrativa utilizzando parole, righe di testo e disegno a mano libera. Vogliamo ben ponderare come costruire nuovi sistemi di AI generativa come questo. Stiamo condividendo apertamente una ricerca con la community per ricevere un feedback, continueremo a perfezionare ed evolvere il nostro approccio a questa tecnologia emergente”.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 18-10-2022


Pfizer presenta l’app che diagnostica il COVID analizzando il suono della tosse

Cellulari a scuola: crescono gli istituti phone free, ma non tutti i docenti sono d’accordo