Scoperto un anticorpo monoclonale che blocca la metastasi del tumore al seno: lo studio di un gruppo di ricerca italo-francese.

Bloccare lo sviluppo delle metastasi alle ossa del tumore al seno, grazie a un anticorpo monoclonale. Questa la scoperta di uno studio italo-francese, pubblicato sulla rivista scientifica Oncogene, che ha inserito questo importante tassello nel campo della medicina oncologica. In questo modo, si eviteranno ricadute, a distanza di anni, nelle pazienti malate e – poi – guarite.

Tumore al seno, scoperto anticorpo monoclonale che blocca le metastasi

In uno studio, condotto dal Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e dall‘Inserm di Lione, con l’Institut Curie di Parigi e l’Univerisità di Amburgo, è emerso che, grazie a un anticorpo monoclonale, si può impedire la diffusione delle metastasi alle ossa del tumore al seno.

Tumore al seno

I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Oncogene, rivista scientifica specializzata. Attraverso questo studio è stata scoperta l’alfa5, una proteina integrina che rappresenterebbe il fattore principale che porta, poi, al processo di metastatizzazione ossea.

Anche se una paziente risulta guarita può avere una recidiva – persino a distanza di anni – nonostante sia stata sottoposta, nel corso della terapia, a trattamenti adiuvanti e chirurgici. L’anticorpo monoclonale Volocimximab – secondo quanto appurato dagli studiosi – bloccherebbe la diffusione delle metastasi ossee.

I risultati dello studio sull’anticorpo monoclonale

Francesco Pantano, che fa parte dell’Unità di Oncologia Medica del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico spiega come avviene il processo che viene messo in atto dall’anticorpo monoclonale. “La proteina integrina alfa 5 è il ‘gancio’ con cui la cellula tumorale si lega alla fibronectina, che è altamente presente nel microambiente osseo“.

E aggiunge: “Questo ‘aggancio’, il primo evento che porta allo sviluppo delle metastasi, viene bloccato dal Volocixamab che si frappone alle due molecole e ferma la propagazione del tumore nell’osso“.

Un incredibile passo avanti, in campo medico, per limitare, quanto più possibile, la diffusione del tumore al seno che, in Italia, colpisce moltissime donne. Nel 2020, infatti, ben 55 mila donne hanno scoperto di avere tale malattia.


La messa riaccoglie il segno di pace: ora si scambia con lo sguardo

Assunzioni 2021: tutti gli incentivi e i bonus previsti dalla Legge di bilancio