Alle Terme di Caracalla ha riaperto una domus che risale ai tempi della Roma antica. Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Importante novità alle Terme di Caracalla di Roma. Grazie ad un intenso lavoro della Soprintendenza Speciale della Capitale, riapre una domus di età adrianea. E’ stata distrutta intorno al III° secolo, proprio per fare spazio alla struttura termale. I visitatori potranno vedere anche gli affreschi che un tempo adornavano questa costruzione e che sono stati separati dalla stessa intorno al 1970.

Terme di Caracalla: riapre una domus di età adrianea

Una novità che va ad arricchire un percorso storico artistico già importante. Stiamo parlando della riapertura di una domus di età adrianea alle Terme di Caracalla, a Roma. I resti di questo edificio, distrutto all’inizio del III° secolo proprio per fare spazio alla struttura termale, sono stati rinvenuti nell’Ottocento, a pochi metri dalla palestra orientale delle Terme, riportata alla luce intorno al 1970. Sempre in questi anni, vennero distaccati gli affreschi per consentire al meglio la loro conservazione. Oggi, finalmente, saranno visibili anche ai visitatori.

Gli affreschi che oggi tornano visibili appartenevano a un edificio situato in un quartiere che agli inizi del III° secolo venne distrutto per far spazio alle Terme di Caracalla. In questo modo i visitatori, oltre alla bellezza e all’interesse di queste pitture, potranno cogliere un pezzo di storia e le trasformazioni della città antica. Presentiamo anche una anteprima: una piccola parte del prezioso soffitto di un ambiente mai esposto prima e che presto sarà aperto al pubblico. Un ulteriore tassello che va ad arricchire lo spazio delle Terme di Caracalla, fiore all’occhiello di questa Soprintendenza e della città“, ha dichiarato Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma.

La domus, con pitture annesse, rappresenta un grande valore storico artistico per la Capitale. I visitatori, infatti, potranno ammirare due decorazioni sovrapposte, appartenenti a periodi diversi: alcune dell’età adrianea e altre risalenti a circa cinquant’anni dopo.

Terme di Caracalla: cresce il prestigio mondiale

Le decorazioni appartenenti a due periodi diversi sono molto importanti, non solo da un punto di vista storico-artistico, ma anche sul versante sociale. Le differenti pitture, infatti, mostreranno anche l’evoluzione e i cambiamenti della società.

La presenza in uno stesso ambiente di Giove, Giunone e Minerva assieme ad Anubi, Iside e probabilmente Serapide è il segno di quel sincretismo religioso tipico dell’antica Roma fin dalla sua fondazione. Ma gli ambienti che ora apriamo sono di grande interesse anche perché mostrano a distanza di pochi metri il microcosmo di una abitazione privata e il macrocosmo di un grande impianto imperiale, le Terme di Caracalla. Un confronto pieno di suggestioni che ci spinge a presentare una piccola anticipazione del soffitto di un secondo ambiente della domus, il Triclinio ora oggetto di studio ricerche per il suo restauro complessivo“, ha dichiarato Mirella Serlorenzi, direttore delle Terme di Caracalla.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 30-07-2022


Rapporto Istat: il Reddito di cittadinanza ha evitato 1 milione di poveri in più

Il Tommaseo di Milano tra i vincitori della seconda edizione di Sea Beyond di Unesco e Prada