Sputnik V, il vaccino russo ideato per debellare il COVID-19, sarà prodotto in Italia.

La Russia ha stipulato un accordo per produrre il suo vaccino Sputnik V contro il Coronavirus in Italia. Si tratta del primo concordato di questo tipo, al fine di attuare la produzione del vaccino in Europa. In Francia e in Germania si discute sull’argomento, nonostante il vaccino non sia ancora stato approvato per l’uso all’interno del blocco dei 27 stati membri. L’autorità di regolamentazione dei medicinali dell’UE, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA), ha annunciato il processo di revisione continua del vaccino.

Vaccini: la Russia sceglie l’Italia per la produzione dello Sputnik V

Adienne Pharma & Biotech SA ha accettato di produrre il vaccino russo presso l’impianto di produzione dell’azienda svizzera a Milano: ha riferito a Bloomberg il fondatore e presidente, Antonio Francesco Di Naro.

Vaccino Sputnik
Vaccino Sputnik

La produzione dovrebbe iniziare già a giugno, come riferisce Kirill Dmitriev, CEO del Russian Direct Investment Fund gestito dallo stato che sostiene lo sviluppo e il marketing di Sputnik V. L’accordo stipulato prevede la creazione di 10 milioni di dosi all’anno per coprire l’esigenza legata al piano vaccinale.

Abbiamo una partnership in Germania. Stiamo parlando con diverse società francesi“, ha detto Dmitriev a Rai3.

Gli accordi con gli altri paesi

La Russia ha già firmato accordi di produzione con altri paesi extraeuropei, tra cui India, Brasile, Cina e la Corea del Sud. Il mese scorso l’Ungheria è diventata il primo membro dell’UE ad approvare il vaccino per uso nazionale, ancor prima dell’approvazione dell’EMA. Anche la Slovacchia e la Repubblica Ceca avevano comunicato che avrebbero bypassato l’approvazione dell’EMA.

Lo Sputnik V è risultato efficace al 91,6% contro il Coronavirus nei risultati dello studio di fase 3 pubblicati su The Lancet a febbraio, una cifra che ha aiutato a dissipare lo scetticismo internazionale verso il vaccino, a causa della sua rapida approvazione e del conseguente lancio.


L’euro potrebbe diventare digitale entro la fine del 2021

Gli Asili Notturni di Torino accolgono i cani dei senzatetto