Al dormitorio Asili Notturni di Torino, per la prima volta in Italia, i senzatetto potranno portare con sé i propri animali.

È la prima volta in Italia che una struttura di accoglienza per senzatetto offre la possibilità di ospitare anche gli animali domestici. Il dormitorio si chiama Asili Notturni Umberto I ed ha sede nella città di Torino. L’iniziativa, che ha pochi mesi di vita, è nata da un protocollo d’intesa con l’amministrazione comunale.

Accade di frequente che tante persone senza fissa dimora siano costrette a separarsi dai propri cani, pur di garantirsi un rifugio. L’obiettivo è quello di debellare i frequenti casi di abbandono e permettere loro di continuare a prendersi cura degli inseparabili amici a quattro zampe.

Gli Asili Notturni di Torino accolgono anche i cani dei senzatetto

Gli Asili Notturni Umberto I furono fondati nel lontano 1886 e ancora oggi i volontari continuano ad offrire assistenza ai più bisognosi. Chiunque sia sprovvisto di mezzi può trovare un soggiorno gratuito e temporaneo presso la struttura in Via Ormea a Torino.

Le residenze canine hanno sede nell’edificio di via Ravenna n. 8. L’iniziativa nasce, in realtà, da un protocollo d’intesa stretto col Comune di Torino per contrastare la fase emergenziale più critica del Covid-19. Infatti, gli Asili da sempre garantiscono, oltre a posti letto e pasti caldi, anche assistenza medica e cure ai malati. Allo scoppio della pandemia, gli operatori si sono accorti di quanto fosse traumatico separarsi dal proprio cane per chi già stava combattendo con la convalescenza da coronavirus.

𝑁𝑒𝑙𝑙'𝑎𝑐𝑐𝑜𝑔𝑙𝑖𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑑𝑖 𝑣𝑖𝑎 𝑅𝑎𝑣𝑒𝑛𝑛𝑎 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑎 𝑑𝑖𝑠𝑝𝑜𝑠𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑐𝑢𝑐𝑐𝑒 𝑟𝑖𝑠𝑐𝑎𝑙𝑑𝑎𝑡𝑒. 𝑈𝑛 𝑖𝑛𝑣𝑒𝑠𝑡𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑑𝑎 15 𝑚𝑖𝑙𝑎 𝑒𝑢𝑟𝑜: "𝑆𝑝𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝐼…

Posted by Asili Notturni on Friday, February 12, 2021

Come ha sottolineato il presidente Sergio Rosso, ancora una volta gli Asili Notturni hanno cercato di coniugare all’aspetto socioassistenziale anche quello più specificamente umano. Assistere una persona vuol dire anche contribuire ad alleviare le sue sofferenze non solo fisiche, e sostenerlo nelle sue esigenze individuali.

Come funzionano le residenze canine?

La sede di via Ravenna ha a disposizione un grande giardino ombreggiato e schermato da piante, uno spazio ideale per accogliere i cani. Gli animali infatti, secondo i regolamenti igienico-sanitari, non possono alloggiare all’interno delle stanze e dei corridoi dell’edificio.

Sempre all’interno di questo giardino è stato ricavato anche lo spazio per la toilette. Nel prato di fronte, invece, i proprietari possono portare a spasso i propri animali al guinzaglio e farli interagire fra loro.

Gli operatori hanno inoltre predisposto dei particolarissimi box, che contengono delle cucce confortevoli e riscaldate. I volontari si occupano ovviamente anche della cura dei cani e di offrire loro un pasto quotidiano.


Vaccini: la Russia sceglie l’Italia per la produzione di Sputnik

La classifica dei 10 migliori vini rossi italiani