È una delle app più in vista dai giovani: parliamo di BeReal, l’applicazione senza filtri che mette al primo piano l’autenticità.

I social media dipingono un quadro molto più roseo delle nostre vite: la maggior parte degli utenti, infatti, condivide, in generale, le parti più emozionanti della propria giornata su Instagram, Twitter, Facebook, TikTok e altre piattaforme. La necessità di ottenere “mi piace” e seguaci fa sì che tutti facciano di tutto per ottenere lo scatto perfetto. BeReal sta tentando di capovolgere tale scenario, al fine di tornare agli inizi, quando sui social si parlava solo della propria vita e dei propri amici, in modo naturale.

BeReal, l’app social che sostiene l’autenticità

BeReal è una delle social app più apprezzate, dal 2020 fino a oggi. Essa punta ad offrire una versione più autentica dei social media rispetto a quella a cui ci si è abituati con Facebook, Instagram e TikTok, piattaforme sui cui gli utenti, in genere, condividono i momenti salienti della loro vita sociale, tagliando il superfluo.

BeReal, però, fa leva su una nuova idea, ossia quella di condividere ciò che ci circonda e la propria vita con i follower nel stesso momento. L’app mira a rivelare – in modo più autentico – la vita dei nostri amici, poiché questi hanno un limite di tempo per scattare le foto che possono condividere.

Ragazza sorridente usa lo smartphone
Ragazza sorridente usa lo smartphone

L’applicazione ci ricorda, quotidianamente, di scattare una foto che si desidera condividere con i propri follower e, perché no, con il resto del mondo. Si hanno, dunque, due minuti per scattare rapidamente la foto, per evitare di modificare o alterare la realtà che hai intorno per renderla più appetibile. C’è un timer che conteggia i minuti e i secondi rimasti.

Come viene impostato lo scatto

L’immagine sarà scattata prima dalla fotocamera posteriore e, circa un secondo dopo, dalla fotocamera anteriore. Le due foto saranno disposte, poi, una sopra l’altra, per la realizzazione del post da condividere. L’idea è quella di ottenere il soggetto da entrambe le angolazioni.

Quando si usa l’app per la prima volta, viene ricordato all’utente che può pubblicare il suo primo post. Se si perde troppo tempo a realizzare il post, sforando i due minuti, non si potranno vedere i post di altre persone, finché non si girerà girato il proprio BeReal quel giorno.

BeReal è stata rilasciata – per la prima volta – nel 2020, guadagnando, però, popolarità nel corso del 2022, in particolare con la Generazione Z.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 07-09-2022


Università: 10 trucchi per risparmiare sull’acquisto dei libri

Lovanio, la città belga che ha reso il proprio centro completamente ciclabile