Le spese per mantenersi all’Università sono molte e decisamente costose. Tra queste una parte riguarda i libri: ecco come risparmiare.

Studiare all’Università dal punto di vista economico non è certamente un costo da poco. Tra le spese più imponenti da sostenere c’è quella che riguarda i libri. Nel corso degli anni, infatti, sono diversi i volumi necessari per prepararsi alle varie materie previste nel proprio piano di studi. Solitamente è impossibile decidere di tagliare sul numero dei libri universitari che il più delle volte si rivelano tutti necessari e spesso anche obbligatori. Come fare dunque per evitare di ritrovarsi con il portafoglio vuoto? Vediamo 10 consigli che possono aiutare a risparmiare.

I primi 5 consigli per tagliare i costi dei libri

La prima cosa da fare se si vuole risparmiare è quella di comprare libri universitari di seconda mano: l’unico accorgimento è di prestare attenzione alle loro condizioni e che non vi siano parti o allegati mancanti. Il prezzo solitamente è la metà di quello originario e per trovarli basta tenere sott’occhio gli annunci sui gruppi social e quelli affissi direttamente nell’istituto. Il secondo consiglio è quello di acquistare i libri online dove spesso si trovano con sconti e offerte. Il terzo è di controllare i prezzi su Amazon dove spesso per gli studenti c’è una sezione apposita con libri di testo scontati del 15%. Un altro trucchetto è quello di comprare i libri in forma di ebook: i prezzi sono decisamente minori rispetto alle versioni cartacee. Infine, come quinto consiglio, c’è di prendere in prestito i libri in biblioteca.

ragazza studia in biblioteca
Studiare all’Università

Tutti gli altri trucchi per i libri dell’Università

Vediamo ora gli altri consigli per risparmiare sui costi dei libri per l’Università che vanno a completare la lista dei dieci. Partiamo dal sesto: una buona idea è quella di prendere i libri in prestito da un collega e di fotocopiarne le parti più importanti. E ancora, tenete sott’occhio le raccolte punti delle librerie, gli sconti e le promozioni riservate a chi ha la carta fedeltà. Si può optare, inoltre, per edizioni precedenti dei testi: spesso infatti le edizioni aggiornate hanno minimi contenuti inediti a fronte di un prezzo sicuramente più alto. Una buona opzione potrebbe essere poi quella del book sharing: ovvero dividere le spese con un collega per l’acquisto di un solo libro. Infine può rivelarsi utile Google Scholar: si tratta di un motore di ricerca dedicato proprio ai contenuti accademici dove è possibile trovare i capitoli dei libri.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 02-09-2022


Vaccini terapeutici, cosa sono e qual è la loro importanza in campo medico

BeReal, come funziona la social app che promuove l’autenticità