Gli oli essenziali sono ricchi di proprietà benefiche. Scopriamo come utilizzarli e quali sono i vantaggi.

Gli oli essenziali, anche detti essenze, sono dei prodotti di origine erboristica. Si ricavano da piante e fiori utilizzati per le loro virtù sin dai tempi più antichi. Le loro proprietà possono arrecare beneficio al nostro corpo, e in molti casi possiedono il potere di rigenerare la mente. Sono famosi soprattutto per gli utilizzi nell’aromaterapia, ma possono essere impiegati anche per impacchi, massaggi, assunzione per via orale o inalazione.

Quali sono le proprietà degli oli essenziali?

Gli oli essenziali che conosciamo sono più di un centinaio. Ognuno di essi presenta effetti differenti, ed è necessario informarsi di volta in volta su quale sia quello più adatto alle nostre esigenze e caratteristiche. Le proprietà più diffuse sono di natura balsamica, battericida o carminativa (legata all’apparato gastro-intestinale).

Oli essenziali
Oli essenziali

Le essenze agiscono direttamente sul nostro sistema nervoso periferico e centrale, per cui andrebbero sempre approcciati con cautela, soprattutto nel caso di bambini, donne in gravidanza o persone affette da patologie.

Alcuni di essi hanno addirittura un potere antisettico e antibiotico, ed è per questo che talvolta se ne consiglia la somministrazione per via orale. In queste situazioni è sempre bene farsi guidare dal parere di un medico, o dell’erborista di fiducia.

I motivi per cui si ricorre agli oli essenziali a scopo curativo sono tantissimi: alleviare lo stress, favorire la circolazione, attutire il problema delle gambe gonfie, agire sui sintomi del raffreddore, stimolare l’apparato respiratorio, combattere l’acne o altre problematiche cutanee e diminuire la sensazione di stanchezza. Questi sono solo alcuni dei mille utilizzi possibili. L’importante è farne sempre un uso consapevole, e solo dopo essersi adeguatamente informati.

Quali sono gli usi cosmetici degli oli essenziali?

Le essenze sono formate da molecole che penetrano nella cute, attraversando i follicoli piliferi. Questa caratteristica permette il loro vasto impiego in ambito cosmetico. Tuttavia, solo alcuni di essi possono essere usati puri senza correre rischi. Per tutti gli altri è necessario diluire l’essenza in un cosiddetto vettore, che può essere una crema vegetale oppure un olio.

Si piò ricorrere agli oli essenziali, ad esempio, per massaggi rilassanti o rigeneranti in cui risulta determinante il ricorso alle tecniche dell’aromaterapia. Per creare un olio da massaggio perfetto sarà sufficiente, ogni 10 ml di olio vettore, aggiungere dalle 2 alle 5 gocce di essenza.

Si possono usare anche per preparare (o in aggiunta di) unguenti, creme, lozioni, maschere per il viso. Perfetto per offrirci una coccola a fine giornata è invece l’uso che prevede di diluire l’essenza nell’acqua, per bagni aromatici o pediluvi profumatissimi.

ultimo aggiornamento: 12-08-2021


Consultazione rendita catastale: come funziona e cosa sapere

Aspettativa retribuita: come funziona e come richiederla