Ecco cosa prevede il piano di governo e Regione Lombardia per rifare il look alla pista e mettere in sicurezza il circuito.

I lavori per la messa in sicurezza dell’Autodromo di Monza dovrebbero cominciare nei primi mesi del 2023. È quanto emerso dalla conferenza stampa in Comune dopo il successo del Gran Premio del Centenario. Governo e Regione Lombardia hanno stanziato 70 milioni di euro di finanziamenti per mettere in sicurezza il circuito. Le opere prevedono il rifacimento del manto stradale della pista, la realizzazione di nuovi sottopassi pedonali sotto il rettifilo, all’uscita della Parabolica e della variante Ascari, la riqualificazione di tribune, viale d’accesso e anello ad alta velocità, la ristrutturazione dei vecchi uffici e la costruzione di una nuova area box.

Autodromo di Monza, lavori al via nel 2023

Il presidente di ACI Sport Angelo Sticchi Damiani indica per gennaio 2023 una possibile data di inizio lavori. Più cauto Giuseppe Redaelli, presidente di amministrazione della SIAS. Il numero uno della società che gestisce lo storico impianto brianzolo ritiene che la ristrutturazione non arriverà in tempo per il Gran Premio 2023, ma sarà pronta per il 2024: un anno importante perché nel 2025 scade l’accordo con la FIA per tenere il GP a Monza.

I lavori richiesti dalla Federazione Internazionale dell’Automobile sono imprescindibili. Fino ad oggi, i tempi lunghi sono stati dettati dal rispetto del codice degli appalti. Adesso il sindaco Paolo Pilotto promette un tavolo tecnico che coinvolga tutti i soggetti in gioco per procedere a passo spedito con le necessarie autorizzazioni.

L'Autodromo di Monza dall'alto
Nel 2023 l’Autodromo di Monza cambierà look

Siamo pronti per affidare l’appalto per la progettazione definitiva delle opere più urgenti — fa sapere la direttrice dell’autodromo Alessandra Zinno —. Sicuramente le priorità sono i sottopassi carrabili e ciclopedonali e il rifacimento della pista”.

La spinta all’avvio del cantiere arriva dal successo del Gran Premio del Centenario, vinto dalla Red Bull di Max Verstappen. Domenica 11 settembre e nei due giorni precedenti sono arrivate a Monza complessivamente 336.000 persone. “È come se Monza avesse triplicato i suoi abitanti in tre giorni”, ha detto il prefetto Patrizia Palmisano.

Gran Premio di Monza, edizione 2022 un successo

Oltre al lancio del Meta Circuit, i numeri del Gran Premio sono importanti. Si sono contati 1.000 addetti al giorno in servizio tra steward e forze dell’ordine, 600 volontari della Protezione Civile impegnati 24 ore su 24, 4.000 persone nel centro della città per gli eventi del Fuori GP.

Insieme ai 140 biglietti contraffatti sequestrati dalla Guardia di Finanza, il weekend brianzolo ha generato un indotto di 250 milioni di euro. Soltanto a Milano sono state prenotate 30.000 camere in oltre 400 strutture. Da record anche le cifre dell’app Monza100: 25.000 download (sia su App Store che su Google Play) da 54 Paesi diversi.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Monsù Ciclet: i ragazzi disabili danno una seconda vita a bici abbandonate

Covid, nasce la mascherina smart: un sensore rileva il pericolo di contagio