Il Decreto Aiuti ha rivisto anche il bonus tv, aumentando il suo valore quasi del doppio: vediamo a chi spetta e come richiederlo.

Fino al mese di dicembre 2022, coloro che hanno i requisiti richiesti possono accedere al bonus tv. L’ultimo Decreto Aiuti ha confermato l’incentivo, aumentandone il valore. A questo contributo, inoltre, può essere accorpato il bonus rottamazione tv, per un valore massimo di 100 euro. Vediamo qual è la procedura per ottenere lo sconto.

Bonus tv: quanto vale e a chi spetta

Aumento quasi del doppio per il bonus tv. A stabilirlo è stato l’ultimo Decreto Aiuti, che l’ha portato da 30 a 50 euro. Ovviamente, è utilizzabile soltanto per acquistare una televisione di ultima generazione oppure un decoder che sia adatto agli standard del nuovo digitale terrestre. L’incentivo messo in campo dal Governo è volto ad aiutare le famiglie italiane che hanno un reddito basso ad adeguare i propri dispositivi tv al passaggio al Mpeg-4, in vigore dal prossimo 15 novembre.

Il bonus tv è destinato a tutte le famiglie che hanno un reddito Isee inferiore o pari a 20 mila euro. Può essere utilizzato per l’acquisto di nuovi televisori o decoder di ultima generazione, è applicabile anche a prodotti già scontati dal venditore ed è utilizzabile anche online. Al momento, il Ministero dello Sviluppo Economico deve ancora renderlo effettivo, ma dovrebbe essere questione di giorni. Così come dovrebbe uscire a breve un bonus da 50 euro per l’acquisto di apparati satellitari utili a ricevere il segnale.

Come richiedere il bonus?

Il bonus tv può essere richiesto direttamente al venditore, con un modello di autocertificazione firmata dal richiedente, che attesti di essere in possesso dei requisiti previsti, ovvero il reddito Isee. Il modulo può essere richiesto direttamente al commerciante oppure essere scaricato sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico. Valido fino al mese di dicembre del 2022, l’incentivo può essere accorpato con il bonus rottamazione tv, pari al 20% dell’acquisto del nuovo televisore fino ad un massimo di 100 euro. Questo contributo non prevede alcun limite reddituale, ma può essere richiesto una sola volta per nucleo familiare. Infine, è bene sottolineare che coloro che hanno più di 70 anni e un assegno pensionistico inferiore a 20mila euro hanno diritto a ricevere gratuitamente un decoder da parte di Poste Italiane.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 30-09-2022


Un libro per ogni bottiglia di plastica: l’idea di un librario per l’ambiente

Prada, bonus di 1.300 euro ai dipendenti contro il caro bollette