Da tempo si parla di escludere il pagamento del canone Rai dalla bolletta elettrica: ecco cosa ha deciso il Ministero.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), viste le insistenti voci in merito all’esclusione del canone Rai dalla bolletta elettrica, ha deciso di rompere il silenzio. La tassa che i cittadini italiani versano annualmente in favore della televisione di Stato continuerà ad essere saldata tramite la fattura dell’energia elettrica.

Canone Rai, nessun cambiamento: continuerà ad essere pagato in bolletta

Da qualche anno a questa parte, precisamente dal 2016, la popolazione italiana paga il canone Rai con la bolletta dell’energia elettrica. I vertici della televisione di Stato hanno preso questa decisione a causa degli innumerevoli pagamenti mancati. Negli ultimi tempi, però, sembrava che il nuovo Governo stesse pensando ad un cambiamento, una specie di ritorno al passato. Ad oggi, però, sappiamo con certezza che non ci sarà nessun stravolgimento.

Le voci di un’esclusione del canone Rai dalla bolletta elettrica non risultano, alla luce del lungo lavoro istruttorio in corso, fondate. La milestone Pnrr trova il suo fondamento nell’esigenza di tutela della concorrenza del mercato dell’energia elettrica e si basa sulle proposte Agcm, la quale non aveva rilevato alcuna criticità in merito al pagamento del canone Rai dal punto di vista della concorrenza del mercato dell’energia, a condizione che il pagamento fosse trasparente per gli utenti finali. Requisito che risulta soddisfatto“, ha dichiarato il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Canone Rai: il Codacons lotta per l’abolizione

Anche se l’Unione Europea aveva chiesto di eliminare il canone Rai dalla bolletta dell’energia elettrica perché ritenuto “un onore improprio“, il Governo Italiano, guidato da Giorgia Meloni, ha respinto le accuse. Pertanto, per il 2022/2023 non cambierà nulla: la popolazione del bel Paese continuerà a pagare la tassa sulla tv nella stessa modalità in vigore dal 2016. Il Codacons, dopo i chiarimenti del MEF, ha dichiarato: “Il canone Rai è a tutti gli effetti l’imposta più odiata dagli italiani e i tempi sono maturi per la sua definitiva abolizione. L’inserimento del canone nelle fatture elettriche ha rappresentato una vera e propria vessazione a danno degli utenti, che si sono ritrovati a pagare bollette più salate a causa della decisione dell’allora Governo Renzi“.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 21-11-2022


La pasta premium Rummo è la più amata dagli italiani

Proteggere le api per tutelare la biodiversità: le azioni messe in atto dall’Europa