Le api sono animali fondamentali all’interno del ciclo vitale del nostro pianeta: come proteggerle con azioni mirate per tutelare la biodiversità.

Le api non sono solo piccoli raccoglitori di miele: sono fondamentali per la biodiversità e la salute in tutto il mondo. Insieme ad altri insetti, sono responsabili dell’impollinazione delle piante, che garantisce la sopravvivenza e la diversità delle colture alimentari e delle piante medicinali. Di conseguenza, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha creato la Giornata mondiale delle api, che si tiene ogni anno il 20 maggio.

Api e biodiversità: le azioni dei paesi europei

Gli esseri umani allevano le api da migliaia di anni, a partire dall’antico Egitto, paese in cui era molto apprezzato il loro miele. Le api, inoltre, rappresentano il primo impollinatore al mondo: l’80% di tutta l’impollinazione viene effettuata, infatti, da tali insetti.

Sono molte colture: 70 delle prime 100 colture alimentari umane sono impollinate da questi piccoli insetti. È corretto dire che dipendiamo fortemente da loro e la loro forte diminuzione nel corso degli anni è allarmante, per usare un eufemismo.

Ape impollinatrice
Ape impollinatrice

Vari paesi europei hanno messo in atto delle azioni per contrastare questo problema e permettere a questa specie di proliferare per il bene di tutto il mondo.

L’apicoltura è maggiormente sviluppata in paesi con clima favorevole, come Romania, Italia, Spagna, Ungheria , Grecia, Germania, Polonia e Francia. Visto che il numero di alveari si è drasticamente ridotto, nel corso del tempo, l’Europa ha cominciato ad attuare delle strategie al fine di proteggere tali insetti al fine di proteggere la biodiversità, per la quale l’Italia è il primo paese investitore in Europa.

Tra i progetti attuati, c’è l’Urban GreenUp che predispone habitat favorevoli all’impollinazione, utili per incrementare il concetto di biodiversità anche nelle città. Al fine di contrastare l’estinzione delle api, in Irlanda è stato avviato, invece, l’All-Ireland Pollinator Plan che, come l’Urban GreenUp, punta alla realizzazione di ambienti che permettano a questi insetti impollinatori di svolgere il loro prezioso lavoro.

Come aiutare gli insetti impollinatori

Un modo per aiutare la popolazione di api a crescere è installare alveari. Tuttavia, per assicurarsi che le api mellifere non minaccino altri insetti mangiatori di nettare, l’apicoltura deve avvenire in modo controllato. La posizione e le dimensioni di un alveare sono cose importanti da considerare. Verifichiamo che non ci siano altri alveari installati entro 3 km e limitiamo gli alveari a 15 o 20 per sito.

Si può optare anche per gli arbusti di miele, che fioriscono all’inizio della primavera o alla fine dell’estate, il che aiuta le api a trovare cibo nei periodi in cui lottano di più. Ciò impedisce anche alle api selvatiche di nutrirsi nei campi vicini dove i pesticidi potrebbero danneggiarle.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 21-11-2022


Canone Rai in bolletta, il Ministero ha deciso: “Voci non fondate”

Cop 27: la webcam che guarda l’Everest è stata installata da ricercatori italiani