La cometa Leonard si sta avvicinando al nostro pianeta e potrà essere visibile – forse anche ad occhio nudo – già a partire dalla metà del mese di dicembre.

Prevedere la luminosità di una cometa appena scoperta non è un compito facile. Gli astronomi usano spesso la formula della Legge di potenza per fare previsioni sulla visibilità, ma un’equazione può non tenere conto dell’imprevedibilità essenziale di una cometa. Non solo questi fossili fragili e ghiacciati sperimentano esplosioni e disintegrazioni a sorpresa, ma la loro lucentezza può variare radicalmente a seconda di qualcosa di semplice come l’angolo di visione. Tali presupposti valgono anche per la Cometa Leonard che, entro dicembre 2021, si avvicinerà alla Terra e – probabilmente – sarà visibile anche a occhio nudo.

Pianeta Terra
Pianeta Terra

La cometa Leonard si avvicina alla Terra: quando?

La cometa Leonard sta per avvicinarsi alla Terra. Lo specialista e ricercatore senior, Greg Leonard dell’Osservatorio di Monte Lemmon, ha scoperto il corpo celeste di 19° magnitudine il 3 gennaio 2021, esattamente un anno prima del perielio. I calcoli orbitali hanno rivelato che l’oggetto ha trascorso gli ultimi 35.000 anni dirigendosi verso il Sole, dopo aver raggiunto l’afelio alla raggelante distanza di circa 3.500 a.u. La cometa Leonard passerà di nuovo più vicino al Sole il 3 gennaio 2022, alle 0,62 a.u. Due settimane prima, il 12 dicembre, effettuerà il suo avvicinamento alla Terra a 34,9 milioni di chilometri, intorno alle ore 13:54 UTC, secondo quanto riferito dalla NASA. Di seguito, l’annuncio su Twitter di Space.com:

La cometa Leonard ha già compiuto un lungo giro che ha permesso ai suoi ghiacci più volatili di evaporare. Le comete spesso diventano insolitamente luminose anche a grandi distanze, mentre il ghiaccio fresco sublima in modo frenetico. Ciò può gonfiare artificialmente la loro luminosità prevista durante l’avvicinamento solare e portare ad aspettative non realistiche.

Sarà possibile osservarla ad occhio nudo?

Gli osservatori potrebbero riuscire a vedere Leonard ad occhio nudo, immerso nel crepuscolo mattutino del 12 dicembre – e vicino al picco di luminosità – prima che sparisca nel cielo serale. Fortunatamente, la Luna sarà assente per la maggior parte della sua apparizione mattutina.

Da metà dicembre in poi, la cometa Leonard svanirà, rimanendo bassa nel cielo sudoccidentale al tramonto per gli osservatori del centro nord. Le condizioni migliorano per gli osservatori del cielo dell’emisfero australe visto che ci sarà un aumento dell’allungamento solare della cometa. Attraversando Sagittario e Microscopio, terminerà l’anno alla sesta magnitudine in Pesce Australe.

In questo momento, Leonard sfoggia una piccola ma lussureggiante coda di polvere. Se la produzione di polvere aumenterà nelle prossime settimane durante il suo percorso di avvicinamento al Sole, diventando più attiva, due circostanze speciali – un attraversamento del piano orbitale e un angolo di fase elevato – potrebbero aumentare la sua luminosità al di sopra delle previsioni.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-11-2021


Funzione Take a break di Instagram: cos’è e perché è necessaria

Prada, di padre in figlio: Lorenzo Bertelli sarà il prossimo Ceo del gruppo