Lorenzo Bertelli, primogenito di Patrizio Bertelli e Miuccia Prada, raccoglie il testimone dei genitori a capo dell’azienda d’alta moda.

Passaggio di testimone nel gruppo Prada. Uno dei brand più consolidati nel panorama del Made in Italy, con un fatturato previsto in crescita a 5 miliardi di euro in 4-5 anni, si prepara ad una successione significativa ai vertici della società. Lorenzo Bertelli, il figlio primogenito di Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, sarà il prossimo Ceo dell’azienda. La consegna ad amministratore delegato della maison milanese avverrà nel corso di tre anni.

Prada, Ceo sarà Lorenzo Bertelli: le parole del padre

In occasione del Prada Capital Market Day presso la Fondazione Prada, Bertelli senior spiega all’agenzia Bloomberg che Lorenzo “ha l’attitudine giusta”. La successione mi sembra normale, visto che ho 75 anni e i miei 75 anni li ho spesi bene, mi sono divertito, ho fatto tante cose, e si vede anche oggi”.

Patrizio Bertelli ha rivelato in una intervista al Sole 24 Ore che Prada punta a fare investimenti annui da 100 milioni euro in fabbriche e negozi nei prossimi anni. Lorenzo è entrato nel consiglio di amministrazione del gruppo la scorsa primavera e si vocifera con insistenza di una possibile e imminente uscita della stessa Miuccia.

Patrizio Bertelli ed Ermenegildo Zegna
Patrizio Bertelli ed Ermenegildo Zegna

Bertelli junior è già impegnato nei settori sostenibilità e digitalizzazione di Prada: è head of marketing e head of Crs (Corporate Social Responsibility) del gruppo. Inoltre è presidente di Aura Blockchain Consortium, il progetto congiunto con il colosso Lvmh e il marchio della gioielleria Cartier per garantire trasparenza e tracciabilità ai consumatori dei brand del lusso. In Aura è entrato pure Renzo Rosso con la sua Otb.

Attualmente il gruppo Prada ha in portafoglio anche Miu Miu, Car Shoe, Church’s e Pasticceria Marchesi. Sono in vista alleanze con i gruppi Richemont (gli svizzeri che controllano, tra gli altri, proprio Cartier) e Farfetch, operatore anglo-portoghese dell’e-commerce della moda. Sarà proprio Lorenzo Bertelli a curare queste strategie.

Patrizio Bertelli e Miuccia Prada: “Non vendiamo”

L’annuncio di Bertelli figlio al vertice del gruppo conferma che Prada non è in vendita. Il patron Patrizio si augura piuttosto di poter trasformare l’azienda in “un aggregatore di piccole imprese tessili e manifatturiere italiane: un piano che spetterà a Lorenzo”.

I numeri sono dalla sua parte. Una nota del gruppo fa sapere che Prada registra una “posizione finanziaria netta prossima allo zero alla fine di settembre 2021 e una forte generazione di cassa e ulteriore miglioramento del capitale circolante netto. L’Ebit si attesta a circa il 20% sul totale dei ricavi. Si registra un raddoppio dell’incidenza delle vendite online al 15% delle vendite retail e un aumento della produttività dei negozi diretti del 30-40%”.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 23-11-2021


La Cometa Leonard si sta avvicinando alla Terra: sarà visibile a occhio nudo?

Qualità della vita, la classifica 2021: Parma in testa, maglia nera a Crotone