L’engagement group del G20 dal nome W20 (Women20) ha presentato Equity in Health, commissione che si occuperà di medicina di genere.

W20, ovvero Women20, è l’engagement group del G20 che ha il compito di elaborare proposte sul tema della parità di genere a livello internazionale. Il gruppo ha recentemente presentato una nuova commissione che si occuperà di parità di genere nell’ambito della salute. L’obiettivo principale della medicina di genere è quello di sopperire alla disuguaglianza che esiste fra uomini e donne nei sistemi sanitari. La commissione Equity Health, formata dai maggiori esperti mondiali del settore sanitario, sarà coordinata dall’italiana Flavia Franconi.

Cos’è Equity Health, la commissione per la parità nella salute

Per arrivare a una reale parità tra donne e uomini bisogna tener conto delle differenze ineliminabili che pure esistono fra i due generi. Spesso, una scarsa consapevolezza di tali differenze, può avere un’influenza negativa sulla salute della popolazione. Parliamo sia dello stato di salute generale, che delle eventuali patologie.

Concetto di parità di genere
Concetto di parità di genere

Può accadere, infatti, che la risposta terapeutica o quella farmacologica siano inadeguate alla situazione.  La medicina di genere si occupa di colmare queste lacune studiando i fattori non solo fisiologici, ma anche sociali, economici, ambientali e culturali.

Nel contesto del W20 si è per la prima volta analizzata sistematicamente la questione della medicina di genere. La novità più importante in merito è stata l’istituzione della Commissione Equity in Health. Il suo fine principale sarà la promozione di strategie innovative mirate ad annullare la disuguaglianza fra sessi che ancora permane nei sistemi sanitari della maggior parte del mondo.

Presidente di Equity in Health sarà la professoressa Flavia Franconi, già membro dell’Osservatorio nazionale italiano per la salute di genere dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità). A comporre la commissione ci saranno i leader internazionali di settore, fra cui alcuni esperti provenienti dall’Italia.

Il prossimo passo del lavoro di Equity in Health sarà la produzione di un documento ufficiale da sottoporre all’attenzione del G20, in cui si richiederà tutta una serie di azioni volte a migliorare la salute delle donne e la situazione sanitaria di genere in ogni suo aspetto.

Che cos’è il W20?

Il W20, acronimo che sta per Women20, è il gruppo del G20 che si dedica ad affrontare tutte le questioni relative alla parità di genere. Ne fanno parte oltre 90 delegate donne provenienti dai 20 Paesi del G20.

W20 è stato ideato nel summit del G20 che si è tenuto nel 2014 in Australia. L’iniziativa ha preso forma nell’ambito della discussione in merito alla riduzione del gender gap (l’obiettivo era di ridurlo del 25% entro il 2025).

Nell’ottobre 2015 poi, durante la presidenza al G20 della Turchia, ha avuto luogo il primo meeting ufficiale del gruppo. Il lavoro del W20 è tutt’ora uno dei maggiori traguardi per quanto riguarda l’inclusione femminile nelle più alte sfere decisionali a livello globale.


La rivoluzione green di Poste Italiane: le consegne di posta e pacchi con auto 100% elettriche

Blocco dei licenziamenti, salta la proroga: ora cosa succede?