Non solo la vittoria (seconda consecutiva) sulla Yamaha e la Suzuki: la Ducati ha chiuso il 2021 con quasi 60mila moto immatricolate.

Il 2021 passerà alla storia come l’anno dei primati per la Ducati. L’azienda di Borgo Panigale ha vinto per la seconda stagione consecutiva il titolo costruttori in MotoGP (mettendosi dietro Yamaha e Suzuki) e soprattutto ha ottenuto un record storico di vendite: quasi 60mila moto immatricolate. I numeri parlano chiaro: con un +24% rispetto al 2020 (concluso a quota 48.042 pezzi prodotti e venduti), il 2021 è stato l’anno migliore di sempre per la casa bolognese, oggi parte del gruppo tedesco Vw Audi.

Ducati Multistrada V4 il modello più venduto

Le consegne hanno raggiunto il massimo storico soprattutto negli Stati Uniti d’America, primo mercato con oltre 9mila esemplari venduti che rappresentano un rialzo del 32% sul 2020. In Italia le Ducati immatricolate sono state 8.707 (+23% sul 2020), seguono la Germania con 6.107 moto, la Cina con 4.901 e la Francia con 4.352 modelli. Balzo incredibile in Australia con un notevole +50% rispetto al 2020.

La Multistrada V4 è la moto Ducati più venduta con 9.957 unità. Le altre due più comprate dai clienti della casa sono la gamma Scrambler 800 (9.059 pezzi venduti) e le Monster con 8.734 esemplari piazzati sul mercato. Dati che valorizzano l’intera gamma prodotto e hanno spinto la società emiliana ad aprire 84 nuove concessionarie.

Il particolare di una moto Ducati
Ducati, record storico di vendite e futuro “green”

Il 2021 è stato un anno magico – spiega l’amministratore delegato Claudio Domenicali al Sole 24 Ore: abbiamo consegnato oltre 59mila moto, numero mai raggiunto in 95 anni di storia dell’azienda, abbiamo vinto per il secondo anno consecutivo il titolo di campione del mondo costruttori MotoGP e abbiamo dato inizio all’era elettrica con il prototipo V21D, che anticipa la moto che correrà nel campionato MotoE dal 2023”.

Le prossime sfide di Ducati sono proprio la competizione con i colossi giapponesi e la produzione elettrica. Il primo passo è stato il lancio della DesertX, la nuova fuoristrada che sfida la Honda Africa Twin. Il modello aspira a far rinascere interesse verso la categoria delle due ruote da deserto tanto in voga negli anni ’80 e arriva insieme a Panigale V4 S, Streetfighter e Multistrada.

Ducati V21D: il futuro elettrico della casa

Con lo stop ai carburanti in carbonio dal 2024, il futuro di Ducati è il comparto moto a emissioni zero: i modelli a ioni di litio. Il prototipo V21D è stato messo a punto dal team Ducati Corse e dai progettisti dell’R&D Ducati, coordinati dall’eMobility Director Roberto Canè.

Prestazioni elevate e peso contenuto sono le caratteristiche di questa due ruote verde: la casa intende realizzare presto, non appena la tecnologia lo consentirà, un esemplare elettrico non solo per la MotoGP ma anche per l’uso stradale.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 15-01-2022


Amadori licenzia la nipote del fondatore: Francesca farà causa all’azienda del nonno

Stop alla plastica monouso: multe per chi non rispetta il divieto