L’Associazione dei festival italiani di cinema ha presentato ufficialmente le linee-guida che gli eventi potranno adottare per abbattere le emissioni.

Anche i festival di cinema si mobilitano per combattere la crisi climatica. L’Afic, l’Associazione dei festival italiani di cinema, ha presentato ufficialmente il protocollo sull’ecosostenibilità di eventi e rassegne cinematografiche. La guida green dell’Afic ipotizza diverse azioni per abbattere le emissioni causate dai festival, in particolare dall’impatto dei settori ospitalità che gestiscono i viaggi degli ospiti, i loro spostamenti e pernottamenti. Basti pensare che a Venezia 78 il totale di emissioni della Mostra è stato di 5.553 tonnellate.

Come i festival di cinema puntano all’ecosostenibilità

I consigli a cui gli organizzatori potranno attingere per orientare le proprie attività partono proprio dall’ospitalità. Il protocollo dell’Afic incoraggia all’uso di treni o bus anziché aerei per raggiungere il festival e al car sharing per il trasporto degli ospiti da e per l’aeroporto.

La guida punta all’utilizzo di soli mezzi a bassa emissione come auto elettriche e ibride per i trasporti e all’incentivazione all’impiego dei mezzi pubblici e delle biciclette per ospiti e spettatori, stipulando convenzioni e accordi con gestori e società di noleggio.

Un ragazzo si gode il cinema all'aperto
I festival di cinema italiani scommettono sul verde

È cruciale l’aspetto energetico. Ai festival invernali è suggerito di tenere la temperatura nelle sale a non più di 20 gradi. Per quelli estivi che non prevedono proiezioni all’aperto, la temperatura sarà al massimo inferiore di 6 gradi a quella esterna.

Deciviso è il digitale con i vantaggi che può offrire. I festival devono sfruttare l’occasione di eliminare biglietti, accrediti e programmi cartacei e potenziare la gestione degli ingressi via app. Agli uffici stampa è consigliato di stampare i comunicati per critici e giornalisti solo su richiesta.

Festival di cinema green: centrale il riciclo

La guida suggerisce di promuovere in maniera massiccia ed evidente la raccolta differenziata dei rifiuti nei punti chiave del festival. Inoltre si incoraggia a togliere l’anno da borse di tela e magliette che di solito fungono da gadget brandizzati per poterle riutilizzare nelle edizioni successive dell’evento.

Gli ulteriori suggerimenti includono il bando alle bottiglie di plastica, gli alimenti a chilometro zero e i piatti vegetariani e vegani nei buffet. Esempi virtuosi sono già stati lanciati, come quelli del Giffoni Film Festival e della Festa del Cinema di Roma che hanno promosso la piantumazione di alberi per compensare le loro emissioni.

Dopo la presentazione nel corso del panel “The Greener the Better!” organizzato da Europa Creativa Desk Italia Media e Trieste Film Festival, l’Afic ha condiviso il Protocollo Festival Green con il Ministero della Cultura e con quello della Transizione Ecologica e riconoscerà l’impegno dei festival che lo adottano.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 28-02-2022


Cambia la legge sul doppio cognome: cosa prevede il ddl presentato al Senato

Agricoltura biologica, al via i premi europei per i progetti più innovativi