Grande risultato per Feudi di San Gregorio: all’azienda irpina è riconosciuto di conciliare l’economia e il profitto con l’etica, la sostenibilità e il benessere.

La B Corp è una prestigiosa certificazione, diffusa in 78 Paesi e 155 settori diversi, rilasciata dall’organizzazione no profit statunitense B Lab alle aziende che hanno eccellenti performance ambientali e sociali e un impatto positivo sui propri dipendenti. Da oggi al gruppo delle B Corp appartiene Feudi di San Gregorio, la cantina irpina fondata nel 1986 ad Atripalda e diventata il marchio simbolo del rinascimento enologico del Sud Italia.

Feudi di San Gregorio è una B Corp: cos’è e dettagli

La certificazione B Corp è la più importante al mondo in tema di sostenibilità. L’etichetta identifica le imprese che operano secondo i più alti standard di trasparenza e responsabilità e che puntano in maniera concreta e misurabile ad ottimizzare il loro impatto positivo verso i lavoratori le comunità di riferimento e l’ambiente. In Italia sono soltanto un centinaio le realtà imprenditoriali che hanno ottenuto questa certificazione e quasi tutte al Nord. Tra queste appena venti operano nel comparto agroalimentare.

Nel corso dei suoi oltre trent’anni di storia, Feudi di San Gregorio ha valorizzato la biodiversità di vitigni tipici meridionali come l’Aglianico, il Fiano di Avellino e il Greco di Tufo, è diventata ambasciatrice del vino irpino nel mondo e centro propulsore di un polo turistico che attira oltre 20.000 appassionati l’anno. La cantina ha abbracciato un modello sostenibile a 360 gradi. La società ha investito 80 milioni di euro per implementare metodi di coltivazione a impatto zero, utilizzare energia da fonti rinnovabili e packaging completamente riciclabili.

Una cantina con una fila di botti
Etica, sostenibilità e trasparenza nei confronti di persone, comunità e territori: le mosse di Feudi per conquistare la B Corp

La certificazione B Corp ricevuta premia il lavoro svolto con il Gruppo Tenute Capaldo, una rete che riunisce Feudi di San Gregorio, le tenute di Campo alle Comete a Bolgheri e di Basilisco nel Vulture, entrambe a conduzione biologica, e i due ristoranti Marennà in azienda e nell’aeroporto di Capodichino. Il presidente Antonio Capaldo fa sapere che ora la cantina sta sviluppando un’iniziativa a sostegno della Fondazione San Gennaro e un progetto destinato al recupero energetico di tutti gli scarti di lavorazione.

Feudi di San Gregorio, fatturato record e BDay

Feudi di San Gregorio produce i suoi vini su 300 ettari di vigneto articolati in oltre 800 particelle. Il fatturato dell’azienda è di 30 milioni di euro e l’export raggiunge 50 Paesi. Il riconoscimento di B Lab arriva dopo numerosi risultati straordinari ottenuti da Feudi, come la trasformazione in società Benefit, la certificazione Equalitas e l’adesione a Co2alizione Italia. “Con questa certificazione, entriamo ufficialmente nel club dei grandi campioni della sostenibilità, aziende che sono state la nostra ispirazione da tanti anni”, scrivono dall’azienda sui social.

Questo importante riconoscimento ottenuto da tutto il Gruppo – che comprende anche Campo alle Comete in Toscana, Basilisco nel Vulture e tutti i progetti di ospitalità e ristorazione Marennà Ristorante – si colloca in un percorso più ampio volto alla tutela e alla valorizzazione del nostro territorio e della nostra comunità, che stiamo portando avanti da circa due anni”, aggiunge la cantina con l’hashtag #BDay.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 02-08-2022


Lombardia, Gambero Rosso elegge i migliori ristoranti del 2023: solo 9 Tre Forchette su 1200 indirizzi

Governance Poll 2022: quali sono i sindaci con più consenso