La nuova edizione di Governance Poll vede il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, conquistare il podio: ecco tutte le altre posizioni.

I risultati della nuova edizione di Governance Poll vedono primeggiare soprattutto i sindaci delle metropoli. Come sempre lo studio passa in rassegna il consenso dei sindaci e molti di quelli italiani sembrano godere di un ampio favore dei cittadini. Governance Poll è un’indagine realizzata da Noto Sondaggi ogni anno per Il Sole 24 ore.

I primi e ultimi posti della classifica

A spiccare è Venezia che vede Luigi Brugnaro allargare i propri numeri, già precedentemente molto alti, arrivando ad un consenso pari al 65% dei cittadini che, in caso di nuove elezioni, si dicono pronti a rivotare per lui. Il suo successo durante le ultime elezioni lo aveva portato ad ottenere il 31,7% dei voti da solo. Brugnaro è riuscito a sorpassare il sindaco di Bari, Antonio Decaro, che ottiene il 62% e si piazza al terzo posto, dunque mantenendo un’alta posizione. Al secondo posto, invece, c’è Marco Fioravanti, sindaco di Ascoli Piceno che l’anno scorso era arrivato al quarto posto. L’ultimo posto della classifica, invece, vede il sindaco di Siena, Luigi De Mossi, insieme a quello di Avellino, Gianluca Festa, e di Lecce, Carlo Maria Salvemini.

fascia tricolore sindaco
sindaco

Napoli e Roma i casi speciali della graduatoria

Scendendo nella classifica il quarto posto è occupato dal sindaco di Milano, Beppe Sala, seguito perlopiù da sindaci di grandi città. Spiccano, in particolare, il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, e quello di Bologna, Matteo Lepore. Il caso di Napoli è esemplare, infatti per la prima volta da molte edizioni la città e il suo sindaco non sono nella parte bassa della graduatoria. Cambiamenti in corso anche per Roma, per tanto tempo bassa in classifica e che invece con il sindaco Roberto Gualtieri, che sta proponendo nuove iniziative, si piazza a metà della graduatoria. C’è da dire, però, che molti dei sindaci con ottimi posti in classifica sono stati eletti da poco. Dunque l’ottimismo da parte dei cittadini è sicuramente maggiore.

Infine anche altre città quasi sempre basse in classifica lasciano il loro posto, anche se per motivazioni diverse rispetto ai casi di Roma e Napoli. Si tratta, nello specifico, di Catania, dove il sindaco Salvo Pogliese è stato sospeso dopo la condanna in primo grado per peculato, e Palermo, dove si è votato da troppo poco tempo.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 03-08-2022


Feudi di San Gregorio è diventata B Corp: la cantina ottiene la prestigiosa certificazione

Un gruppo di ricercatori sta utilizzando gli smartphone Pixel 4 per diagnosticare l’Alzheimer