Fincantieri continua a portare nei mari del mondo la tecnologia italiana: la sussidiaria FMM ottiene un appalto dalla US Navy per 536 milioni di dollari.

Sarà Marinette Marine (FMM), la controllata statunitense di Fincantieri, a costruire per la US Navy la terza fregata lanciamissili della classe Constellation. La Marina degli Stati Uniti ha annunciato ufficialmente l’esercizio dell’opzione per l’assegnazione. La fregata si chiamerà USS Chesapeake (FFG-64) ed è il terzo esemplare di fregate multi-missione FFG. Il valore complessivo dell’operazione è di 536 milioni di dollari.

Fincantieri Marine batte la concorrenza

Il programma Constellation, varato dal Dipartimento della difesa americano per completare il fabbisogno di 52 navi da medio tonnellaggio in aggiunta alle 32 LCS già in dotazione, è stato assegnato a Fincantieri Marinette Marine nel 2020. FMM ha battuto la concorrenza di Austal USA, General Dynamics Bath Iron Works, Huntington Ingalls Industries e Lockheed Martin. Il contratto iniziale prevede la costruzione di 10 unità per un valore pari a 5,57 miliardi di dollari.

Fincantieri ha investito 100 milioni di dollari per adeguare i cantieri di Marinette, nel Wisconsin. L’annuncio della commessa per la costruzione della terza fregata di nuova generazione arriva dopo la revisione del progetto del mese scorso della capoclasse USS Constellation (FFG-62). Questo modello si avvicina all’inizio della fase realizzativa.

Una fregata lanciamissili in azione nei mari
La fregata lanciamissili in azione nei mari

Il contratto per la realizzazione della prima fregata include l’opzione per 9 ulteriori navi, oltre al supporto postvendita e l’addestramento degli equipaggi. Il programma complessivo della US Navy contempla la costruzione di altre 10 unità, per un totale di 20 esemplari. Il progetto di FMM è stato considerato quello maggiormente all’avanguardia nel settore.

Fincantieri ha acquistato i cantieri di Marinette nel 2009, nel pieno della grande recessione causata dalla crisi dei mutui subprime. Il gruppo navale italiano, oggi controllato da CdP Industria e quotato alla Borsa di Milano nell’indice FTSE Italia Mid Cap, ha investito negli Stati Uniti preservando i 3.000 posti di lavoro nelle tre fabbriche tra l’Illinois e il Wisconsin.

Fincantieri, US Navy premia la tecnologia italiana

Il progetto di Fincantieri si basa sulla piattaforma delle fregate europee classe FREMM, ritenuta la migliore al mondo sotto il profilo tecnologico per le sue capacità nelle missioni di difesa aerea, lotta antisom e di superficie, guerra elettronica ed information warfare. È su questo standard che si fonda il programma di 10 unità per la stessa Marina Militare italiana.

Il nome della terza FREMM US, USS Chesapeake, fa riferimento a una storica fregata della Marina statunitense varata nel 1799. Tutti i modelli della classe Constellation citano le sei fregate originarie autorizzate dal Congresso: President, Congress, United States, Constellation, Constitution e Chesapeake.

Il Gruppo è riuscito a imporsi sui competitor grazie a un progetto giudicato come il più tecnologicamente avanzato e innovativo“, fanno sapere da Fincantieri sui social.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 29-06-2022


Ferragamo assume la prima persona con Sindrome di Down

Cosa sta succedendo ai biliardini e perché bar e balneari sono preoccupati