Negli ultimi tempi, gli affitti delle vie dello shopping di Hong Kong sono drasticamente crollati: ecco le conseguenze di questo cambiamento.

Un crollo degli affitti a Hong Kong come mai registrato in precedenza: secondo i dati di Cushman & Wakefield Plc, riportati da Bloomberg, gli affitti in tre delle principali aree commerciali della città sono quasi i più bassi da oltre un decennio e i proprietari offrono sconti vicino all’80% rispetto al picco di otto anni fa a Russell Street, a Hong Kong. La baia di Causeway Bay è stata classificata come la più costosa al mondo per quel che concerne l’affitto di negozi fino al 2019, anno in cui l’azienda ha rilasciato gli ultimi dati.

Hong Kong, crollo degli affitti nelle vie dello shopping

Il crollo degli affitti de punti strategici dello shopping rappresenta un brutto colpo per le famiglie benestanti e i singoli investitori che gestiscono il commercio al dettaglio di Hong Kong che – in altri momenti, decisamente migliori – faceva leva sui turisti che spendevano i loro soldi oggetti di lusso e cosmetici di alta qualità. Al momento, i negozi che vendevano orologi svizzeri offrono gadget economici per telefoni cellulari. Ciò è stato provocato anche dalle manifestazioni anti-governative del 2019 e dalle restrizioni di viaggio, imposte dalla pandemia di Coronavirus.

Hong Kong
Hong Kong

Immaginate di avere un negozio in un distretto come Central, non vorreste affittarlo a una società che vende mascherine“, ha detto Kenneth Yau, direttore vendite distrettuali senior presso l’agenzia immobiliare Midland IC&I Ltd., “Non credo che gli affitti riprenderanno rapidamente, ma potrebbero aumentare gradualmente“, ha affermato Ma, direttore di Koon Wing Motors Ltd., il più grande operatore di minibus di Hong Kong. “Dipende dall’apertura dei confini, soprattutto per i quartieri centrali come Russell Street e Tsim Sha Tsui“.

Costi alti e chiusure

Prada ha chiuso un negozio in Russell Street l’anno scorso, per il quale pagava un affitto mensile stimato a oltre 1 milione di dollari, secondo quanto riporta l’Hong Kong Economic Journal. La svizzera Swatch Group AG ha accelerato i piani per chiudere definitivamente i negozi a Hong Kong.

Secondo Cynthia Ng, direttore esecutivo per i servizi di vendita al dettaglio di Colliers International, i proprietari con spazi di vendita al dettaglio di prima qualità richiedevano affitti elevati e marchi affidabili come affittuari. La persistente flessione del mercato ha costretto, poi, i proprietari ad adeguarsi. Anche se gli affitti sono diminuiti, drasticamente, negli ultimi anni, i proprietari hanno ancora margine di guadagno, secondo quanto afferma Yau.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 17-11-2021


Anagrafe digitale: scaricare certificati online senza pagare la marca da bollo

Migliori aziende in Italia per le donne: la classifica di Great Place to Work