Il comune di Maddaloni in Campania è il primo in Italia a siglare un’intesa con l’associazione di volontariato Plastic Free.

Maddaloni si è resa protagonista di un traguardo all’insegna dell’ecologia. La piccola città in provincia di Caserta ha infatti siglato il primo Protocollo d’intesa stretto tra un’amministrazione comunale e l’associazione ambientalista che porta il nome di Plastic Free. La cerimonia si è tenuta il 26 gennaio, alla presenza del sindaco, dell’assessore all’Ambiente e dei referenti locali di Plastic Free.

Il Protocollo prevede che il comune, per ottenere la “bandiera” di plastic free, si impegni in tutta una serie di azioni mirate a contenere i pericoli derivanti dall’uso della plastica: eventi di sensibilizzazione e informazione, pianificazione di progetti per la comunità, raccolte collettive, promozione di Plastic Free sui canali social e tanto altro. Scopriamo i dettagli.

Maddaloni è plastic free: cosa significa?

La onlus Plastic Free ha studiato un iter di regole da seguire per quei comuni che desiderino ottenere l’etichetta di “plastic free”. Sul sito web l’organizzazione ha pubblicato un documento ufficiale che elenca tutte le proposte e le richieste rivolte agli enti che decidano di intraprendere questa sfida all’insegna dell’ecologia. Il primo passo è, appunto, la firma del cosiddetto Protocollo d’intesa.

Raccolta differenziata plastica
Raccolta differenziata plastica

A trainare questo ambizioso progetto vi è il valore condiviso della tutela del territorio. Il Protocollo firmato dalla città di Maddaloni prevede svariati punti:

  • raccolta di materiale per le strade e sulle spiagge;
  • lezioni di educazione ambientale nelle scuole;
  • sensibilizzazione della cittadinanza tramite stand informativi;
  • passeggiate ecologiche e turistiche nella natura;
  • segnalazione dell’abbandono abusivo di rifiuti plastici;
  • supporto nella promozione di eventi e progetti a marchio Plastic Free.

Cosa succede quando un’impresa ottiene la certificazione di Plastic Free? Essa assicura di garantire supporto all’intera associazione o a singoli progetti cui sceglie di aderire. Il fine ultimo è, come sempre, contribuire attivamente alla salvaguardia del nostro pianeta.

Cos’è l’associazione Plastic Free?

La onlus che porta il nome di Plastic Free ha avuto luce nel luglio 2019. È un’associazione di volontariato che nasce inizialmente come realtà digital. La mission primaria di questa rete di volontari è quella di liberare il pianeta dalla plastica; nel giro di un solo anno di attività, è stata in grado di raccogliere attorno a sé più di 150 milioni di utenti.

Apprendiamo dal sito di Plastic Free che “oltre 12 milioni di tonnellate di plastica ogni anno finiscono in natura. Impatta sugli animali, oltre 100.000 mammiferi muoiono ogni anno dopo aver ingerito plastica. Impatta sull’uomo, ogni settimana mangiamo circa 5 grammi di plastica, l’equivalente del peso di una carta di credito”. Da queste parole è chiara l’urgenza di intervenire per fermare un processo che rischia di diventare irreversibile.

Inoltre, la onlus ha previsto che possano diventare sue partner non solo comuni e municipi, ma anche realtà aziendali.

Riproduzione riservata © 2021 - LEO

ultimo aggiornamento: 20-02-2021


INPS, arriva il bonus ISCRO fino a 800 euro: a chi è destinato e quali sono i requisiti

Ikea acquista 4.000 ettari di foresta per proteggerla e gestirla in modo sostenibile