Neutralità climatica entro il 2050 e taglio delle emissioni del 55% per il 2030: questi gli obiettivi della legge sul clima europea.

Nelle ore che precedono la Giornata della Terra 2021, la più importante manifestazione dedicata alla salvaguardia del pianeta, il Parlamento europeo e il Consiglio trovano un accordo provvisorio per ratificare la legge sul clima. È Ursula von der Leyen, la Presidente della Commissione, ad annunciare l’obiettivo verde dell’EU: ridurre del 55% le emissioni entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. Il Climate Law introduce nella legislazione anche l’obiettivo della neutralità climatica dell’Unione per il 2050.

Legge sul clima: l’Europa trova l’accordo

La legge sul clima prevede inoltre un limite di 225 milioni di tonnellate di CO²equivalente al contributo degli assorbimenti all’obiettivo netto” e un aumento del pozzo netto di assorbimento del carbonio entro il 2030. L’accordo instaura un comitato scientifico consultivo composto da 15 esperti di cittadinanza diversa, non più di due per ogni Stato membro e in carica per un mandato di quattro anni. L’advisory board avrà il compito di monitorare l’impatto del “New Green Deal” e gli effetti sull’economia europea.

La Commissione proporrà “un obiettivo climatico intermedio per il 2040, al più tardi entro sei mesi dal primo bilancio globale effettuato nel quadro dell’accordo di Parigi”. Verrà lanciato un dialogo aperto “con i comparti economici che sceglieranno, su base volontaria, di elaborare tabelle di marcia indicative per il conseguimento dell’obiettivo della neutralità climatica dell’Unione per il 2050”.

Prima di passare alla fase formale dell’adozione, quest’accordo politico dovrà essere approvato dal Consiglio e dal Parlamento. Von der Leyen annuncia sui social l’intesa raggiunta e scrive che “la legge sul clima incammina l’Ue su un percorso verde per un’intera generazione. È il nostro impegno vincolante per i nostri figli e i nostri nipoti”.

L’accordo è stato raggiunto dalla presidenza portoghese del Consiglio e dai rappresentanti del Parlamento europeo. “La legge europea sul clima è la ‘legge delle leggi’ che fissa il quadro della legislazione dell’Ue in materia di clima per i prossimi 30 anni – dichiara il ministro portoghese dell’Ambiente João Pedro Matos Fernandes in una nota –. L’Ue è fortemente impegnata a conseguire la neutralità climatica entro il 2050 e oggi possiamo essere fieri di aver fissato un obiettivo climatico ambizioso che può ottenere il sostegno di tutti”.

Con questo accordo – conclude Matos Fernandes – inviamo un segnale forte al mondo, proprio a ridosso del vertice dei leader sul clima del 22 aprile, e spianiamo la strada alla Commissione per proporre il suo pacchetto per il clima Fit for 55 a giugno”.

Anche Cina e Russia al Leaders Summit sul clima

Il mondo accoglie subito questo accordo: l’agenzia Reuters rende noto che anche il presidente cinese Xi Jinping e quello russo Vladimir Putin parteciperanno al Leaders Summit sul clima, voluto fortemente da Joe Biden per il 22 e 23 aprile.

Il Fit for 55 citato dal ministro portoghese è invece il pacchetto di 12 provvedimenti con cui la Commissione si propone di ridurre le emissioni del 55%. Il programma è strettamente legato al NextGenerationEU ed è stato presentato dal vice-presidente della Commissione responsabile delle Relazioni interistituzionali Maros Sefcovic e online dall’Europarlamento.

ultimo aggiornamento: 01-05-2021


Lauree abilitanti: esercitare specifiche professioni senza l’esame di Stato

Gioielli ricavati da vecchi cellulari: il progetto degli studenti del Politecnico di Milano