Una città dotata di case, negozi, un ufficio governativo, hotel che permetterà agli abitanti delle Maldive di far fronte al cambiamento climatico.

Le Maldive hanno collaborato con lo studio di architettura Waterstudio per creare una città galleggiante a forma di cervello che ospiterà 20.000 persone in una laguna vicino alla capitale del paese. Chiamata Maldives Floating City, metterà a disposizione 5.000 case galleggianti, di pochi piani, all’interno di una laguna di 200 ettari nell’Oceano Indiano. Con l’innalzamento del livello del mare, la città sarà costruita su una serie di strutture galleggianti di forma esagonale.

Maldive, città galleggiante per affrontare l’innalzamento del livello del mare

La Maldives Floating City sta sorgendo dalle acque dell’Oceano Indiano. In una laguna turchese, a soli 10 minuti di barca da Male, la capitale delle Maldive, è in costruzione una città galleggiante, abbastanza grande da ospitare 20.000 persone. Uno scatto:

Progettata secondo uno schema simile alla struttura cerebrale, la città sarà composta da 5.000 unità galleggianti tra case, ristoranti, negozi e scuole, con canali intermedi. Le prime unità saranno svelate a breve: i residenti inizieranno a trasferirsi all’inizio del 2024 e l’intera città dovrebbe essere completata entro il 2027.

Il progetto – una joint venture tra lo sviluppatore immobiliare Dutch Docklands e il governo delle Maldive – non è inteso come un esperimento selvaggio o una visione futuristica: è stato costruito come una soluzione pratica per fronteggiare l’innalzamento del livello del mare. “Sebbene i tentativi di creare città galleggianti ci sono stati in precedenza, nessuno ha presentato i punti di forza più interessanti di Maldives Floating City: competenza tecnica, logistica e legale su vasta scala“, ha spiegato Dutch Docklands.

L’innalzamento del mare alle Maldive: un problema per gli abitanti

Arcipelago di 1.190 isole basse, le Maldive sono una delle nazioni più vulnerabili al cambiamento climatico. L’80% della sua superficie si trova a meno di un metro sul livello del mare e tale livello potrebbe salire fino a un metro entro la fine del secolo: pertanto, quasi l’intero paese potrebbe essere sommerso.

Il progetto, che dovrebbe essere completato entro il 2027, sarà composto da una serie di isole esagonali modellate sulle forme geometriche di un corallo locale chiamato corallo cerebrale. Se combinato e visto dall’alto, la struttura assomiglia a un cervello. Le piattaforme sosterranno case, hotel, ristoranti, negozi, un ospedale, una scuola e un edificio governativo.

Maldive
Maldive

Ogni residenza fronte mare sarà di 100 metri quadrati e avrà un molo annesso sul davanti e una terrazza sul tetto. Dutch Docklands afferma che avranno un prezzo di 250.000 mila dollari. “In quanto nazione in prima linea nel riscaldamento globale, le Maldive sono perfettamente posizionate per reimmaginare come l’umanità sopravviverà – e, in effetti, prospererà – di fronte all’innalzamento dei mari e all’erosione costiera“, hanno affermato l’azienda.

Ispirate dalla tradizionale cultura marinara maldiviana e sviluppate in stretta collaborazione con le autorità maldiviane, le case delle Maldive Floating City saranno alla fine affiancate da hotel, ristoranti, boutique alla moda e un porto turistico di livello mondiale”, aggiunge.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 11-08-2022


Arena del Futuro: con il circuito sperimentale dell’A35 Brebemi i vantaggi sono concreti

Verme mangia plastica: la scoperta australiana che potrebbe aiutarci a smaltire i rifiuti