È stata venduta per 8,8 milioni di dollari la monumentale mappa firmata da Alighiero Boetti all’asta della mostra di New York.

Il 16 novembre 2022, l’asta della mostra contemporanea di Sotheby’s a New York City ha registrato vendite per un totale di 315 milioni di dollari. Tra questi, il top lot della serata è stato un dipinto di Andy Warhol intitolato “White Disaster (White Car Crash 19 Times)“, che è stato venduto per ben 85,4 milioni di dollari. Ma la vendita che ha fatto più scalpore è stata quella di “Mappa” di Alighiero Boetti per 8,8 milioni di dollari. Si tratta di un nuovo record assoluto per la mappa più monumentale mai firmata da Boetti e vale il prezzo più alto mai pagato per un’opera di questo artista.

Alghiero Boetti: l’opera monumentale

Alighiero Boetti iniziò le sue mappe di grandi dimensioni nel 1971, durante la sua seconda visita in Afghanistan. Lì, ha collaborato con dozzine di ricamatrici e tessitrici afgane per ricamare i disegni delle bandiere corrispondenti su ogni paese. Proprio come quella del catalogo Sotheby’s, che riporta lungo i bordi superiore e inferiore la scritta, in italiano e inglese: “Made in Peshawar Pakistan by Afghan people in 1989 and 90 and 91”, la maggior parte di queste mappe sono state infatti realizzate nei campi profughi a Peshawar, in Pakistan.

La Mappa al Museum of Modern Art di New York, è uno dei pochi esempi della famosa serie Maps eseguita su questa scala spettacolare. Questa specifica opera è anche unica nel suo genere per il suo colore di sfondo avorio brillante. Negli ultimi cinque anni sono state messe all’asta solo sei opere della serie Maps, e questa ha superato ogni record per l’artista italiano.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 18-11-2022


Vinted, cos’è e come funziona: la moda circolare prende piede

Il limite contanti sale a 5mila euro: restano in vigore gli obblighi per la tracciabilità