Inaugurata a Milano la statua di Margherita Hack: è la prima opera d’arte su suolo pubblico italiano dedicata ad una scienziata.

Margherita Hack, scienziata e premio Nobel, è la prima donna ad avere una statua su suolo pubblico italiano. L’opera d’arte, realizzata in bronzo e alta ben 270 centimetri, è stata installata a Milano, davanti all’Università Statale. L’artista Sissi l’ha intitolata Sguardo Fisico.

Margherita Hack: inaugurata la statua a Milano

Quanti si recheranno davanti all’Università Statale di Milano, precisamente in Largo Richini, si ritroveranno davanti agli occhi un’opera d’arte che fa venire la pelle d’oca. Si tratta della statua dedicata a Margherita Hack e realizzata dall’artista bolognese Sissi, pseudonimo di Daniela Olivieri. Commissionata dalla Fondazione Deloitte, in collaborazione con la Casa degli artisti e il Comune di Milano, è in bronzo ed è alta ben 270 centimetri.

Margherita Hack nasce dalla terra ed emerge da una galassia che la porta a elevarsi verso lo studio, la ricerca sul cielo e le stelle. Oggi finalmente tutti la potranno conoscere, si potranno avvicinare a lei, perché la mia scelta per questo monumento è stata quella di togliere il basamento e metterla proprio a terra, in modo che potesse innestarsi e creare un contatto diretto con l’ambiente. Per me è molto importante che una scultura dialoghi con lo spazio e con le persone che la vivranno, con il suo pubblico“, ha dichiarato Sissi ad Askanews.

La statua di Margherita Hack è la prima opera pubblica italiana dedicata ad una scienziata. Non ad una studiosa qualsiasi, ma ad una donna che è riuscita ad imporsi in un campo che, ai suoi tempi, era popolato esclusivamente da uomini.

Margherita Hack: il suo Sguardo Fisico sarà da esempio

Come dichiarato da Sissi, la statua di Margherita Hack sembra nascere dalla terra. Le sue braccia sono protese verso il cielo, come se fosse ancora tra noi, impegnata a guardare il suo cielo, le sue stelle. Non a caso, l’artista ha sottolineato che la studiosa premio Nobel è rappresentata in metamorfosi, un “interrotto flusso di vita che parte dalle stelle per tornarvi“. L’opera invita quanti la guardano a non smettere mai di sognare.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 17-06-2022


Raffaella Carrà avrà una piazza a Roma che porterà il suo nome

Il consumo di burger fatti con proteine di fungo dimezza la deforestazione e le emissioni di CO2