Nel 2022/2023 i test d’ingresso per entrare a Medicina verranno stravolti: si comincerà già dal prossimo settembre.

Un annuncio che gli aspiranti studenti di Medicina aspettavano da tempo: il test d’ingresso per poter iniziare il percorso universitario verrà stravolto. Addio alle domande trabocchetto, con le prove di ammissione che potranno iniziare già negli ultimi due anni delle scuole superiori. Vediamo nel dettaglio, cosa cambierà nel 2022/2023.

Medicina, test d’ingresso 2022/2023: i cambiamenti

Il test d’ingresso per entrare nella facoltà di Medicina cambia: è questa la decisione a cui sono giunti i politici addetti all’incarico dopo una lunga discussione in Parlamento. Il cosiddetto “incubo concorsone“, per la gioia di tutti gli aspiranti medici, sparirà del tutto. Si inizierà già dal prossimo mese di settembre, quando gli oltre 60 mila studenti che vogliono intraprendere il percorso universitario in oggetto non si troveranno più a dove combattere con le “domande a sorpresa“. Le domande di cultura generale, quindi, verranno ridimensionate oppure sostituite con quiz di ragionamento logico. Quest’ultimo avrà una parte dedicata a quello numerico e un’altra sulle discipline umanistiche.

La seconda parte del test, invece, vedrà domande di fisica, chimica, biologia e matematica. “Resterà il numero programmato, ma al posto del quiz arriverà un percorso su misura“, ha dichiarato il ministro dell’Università Cristina Messa. Pertanto, a settembre 2022, il concorso sarà ancora simile a quello degli anni passati, mentre nel 2023 avverrà la vera e propria svolta.

2023: gli aspiranti medici iniziano il percorso al liceo

Quanti desiderano entrare a Medicina, a partire dal 2023, avranno la possibilità di iniziare il percorso durante il quarto anno di liceo. Verranno istituiti, infatti, corsi online gratuiti preparati dalle stesse università e prove di autovalutazione. Ci sarà, poi, un Test OnLine CISIA (esame Tolc), che potrà essere ripetuto due volte l’anno nel corso degli ultimi anni delle scuole superiori. Il risultato migliore di questi esami verrà inserito nella graduatoria nazionale, ergo: l’ingresso a Medicina è garantito.

Questo significa che, dal 2023, il test per Medicina verrà eliminato e sostituito con un percorso specifico e accessibile a tutti. Inoltre, si è deciso di aumentare i posti a medicina, in modo da “garantire un numero sufficiente di specialisti e medici di base“.

Riproduzione riservata © 2022 - LEO

ultimo aggiornamento: 16-02-2022


Bonus Partite Iva 2022, le tre agevolazioni da sfruttare per lavoratori autonomi e imprese

Nel riciclo del vetro l’Italia fa meglio di Germania, Austria e Francia